Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Integratori per dimagrire: cosa sono e a che cosa servono?

Esistono molteplici integratori dimagranti, tutti differenti tra loro, in quanto realizzati con ingredienti diversi.

3.5 di 5
Integratori per dimagrire: cosa sono e a che cosa servono? istock

Molto spesso, durante una dieta vengono specificati determinati integratori alimentari che hanno come fine primario quello di aiutare e velocizzare il processo di dimagrimento.

Questi prodotti sono molto utili, in quanto riescono a supportare la dieta e servono a controllare o agevolare la perdita di peso.

Nei prossimi paragrafi andremo a vedere insieme cosa sono questi integratori dimagranti e a che cosa servono.

Cosa sono gli integratori dimagranti?

Gli integratori per dimagrire, non sono altro che integratori alimentari che, come detto nelle righe precedenti aiutano a controllare o a perdere peso.

Prima di tutto, è giusto sottolineare, che si tratta di prodotti realizzati per essere affiancati ad una dieta ben delineata. Questi integratori, infatti, non hanno funzioni terapeutiche, non sono dei farmaci e da soli non riescono ad esprimere il proprio effetto.

Esistono molteplici integratori dimagranti, tutti differenti tra loro, in quanto realizzati con ingredienti diversi.

Alcuni prodotti hanno la finalità di migliorare il metabolismo basale e il processo di termogenesi. Questo processo è molto importante, perché permette all’organismo di spendere più energia ogni qual volta assume del cibo, come per esempio la caffeina.

Cambiando ingredienti, sono disponibili integratori dimagranti che aiutano a sviluppare il senso di sazietà e modificano l’assorbimento dei vari nutrienti. Alcuni esempi di questi ingredienti sono: le fibre, la malva, l’altea e molti altri.

Ultima tipologia di integratori per dimagrire è quella che ha come ingredienti tutti quelli che riducono la digestione e l’assorbimento dei nutrienti, come per esempio il chitosano, presente nei crostacei.

Un’altra grande differenza che hanno con i farmaci è che gli integratori alimentari non hanno bisogno di nessun tipo di ricetta medica e possono essere assunti con molta più facilità. Nonostante ciò, noi consigliamo sempre di avere un consulto preventivo con il proprio medico di base o con uno specialista del settore, in quanto un utilizzo improprio o prolungato per troppo tempo potrebbe causare spiacevoli effetti collaterali.

A che cosa servono gli integratori alimentari?

Una volta aver visto che cosa sono e quali sono le principali funzioni, possiamo andare a vedere insieme qualche esempio pratico di integratore dimagrante e a che cosa serve.

Il gambo di ananas, per esempio, contiene degli enzimi digestivi vegetali molto utili per aiutare l’organismo a digerire al meglio le proteine assunte.

Chitosano, Glucomannano, Carragenina e molti altri, sono fondamentali per sviluppare un principio di sazietà e rallentare la digestione e l’assunzione di nutrienti.

Molto frequenti sono anche i diuretici naturali che, come dice il termine stesso, aiutano la diuresi e la conseguente perdita di peso. Questi integratori, però, non promuovono la perdita di grasso e di conseguenza non possono essere considerati dimagranti.

Caffeina, Tè verde, Pseudoefedrina ed altri ingredienti sono molto importanti per stimolare la termogenesi. Fino a poco tempo fa era permessa anche l’efedrina, ma ad oggi non si può più utilizzare per gli effetti collaterali che causa, nonostante sia molto efficace.

Questi sono solamente alcuni dei principali ingredienti che si possono utilizzare come integratori per dimagrire, ma in commercio ce ne sono presenti anche molti altri altrettanto utili.

Pubblicato il: 30-08-2022
Di:
FONTE : redazione

© 2022 sanihelp.it. All rights reserved.