Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Malattie della pelle: la couperose

La pelle appare arrossata, spesso dà prurito: potrebbe trattarsi di couperose

3.5 di 5
Malattie della pelle: la couperose istock

La couperose è un disturbo cutaneo di natura infiammatoria, che si manifesta con arrossamento e prurito del viso, sul quale compaiono venuzze rossastre simili a ragnatele, in particolare sulle guance, sulla fronte e sul naso. È più frequente nelle donne tra i 30 e i 40 anni, soprattutto di carnagione chiara, non è grave, ma può avere un impatto psicologico notevole. Dipende dal fatto che i capillari della pelle, che normalmente si dilatano per far fluire il sangue se necessario, per poi restringersi, perdono in parte la loro elasticità, così che una volta dilatati non riescono più a tornare alla condizione iniziale e diventano visibili con il tipico aspetto a ragnatela. Non è ancora del tutto chiara l’eziologia, molto probabilmente c’è una famigliarità. Il problema può peggiorare con i frequenti passaggi dal caldo al freddo, con lo stress o l’eccessiva esposizione al sole. Anche gli ormoni hanno un ruolo importante, in quanto il disturbo è accentuato dall’assunzione di anticoncezionali per via orale e nel periodo della pre-menopausa.

La diagnosi si effettua tramite una visita dermatologica. 

Per non aggravare la couperose, tenendo presente che non esistono trattamenti che risolvano il problema, è necessario fare molta attenzione agli sbalzi eccessivi di temperatura, all’alimentazione (evitando cibi piccanti o molto caldi e caffeina), ai cosmetici, applicando una protezione solare i tutti i periodi dell’anno ed evitando cosmetici aggressivi. Se la couperose si aggrava può sfociare in rosacea, a volte definita acne dell’adulto, in quanto possono comparire brufoli e pustole. Anche in questo caso la diagnosi è di pertinenza dermatologica e di solito la terapia si basa sull’uso di antibiotici, locali o per via orale, a seconda della gravità del problema.

Pubblicato il: 11-08-2022
Di:
FONTE : Grupposandonato.it

© 2022 sanihelp.it. All rights reserved.