Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Come attenuare gli effetti del jet lag

Il jet lag è un disturbo del sonno causato dalla variazione di fuso orario

3.5 di 5
Come attenuare gli effetti del jet lag istock

Il jet lag, o sindrome da fuso orario, è un disturbo del sonno causato da lunghi viaggi verso paesi con diverso fuso orario, tanto che l’orologio biologico non riesce ad adattarsi al cambiamento. Il fenomeno è anche noto come disritmia ed è classificato tra i disturbi del ritmo circadiano. I ritmi circadiani regolano le nostre attività biologiche nell’arco delle 24 ore, come il ciclo sonno/veglia, la temperatura del corpo, la pressione arteriosa, i livelli ormonali e diverse funzioni fisiologiche. Ecco perché la loro alterazione può causare dei disturbi. In particolare, se durante il viaggio si attraversano 6 o più fusi orari, il jet lag può farsi sentire tanto da impiegare qualche giorno per ritrovare un certo equilibrio. I classici disturbi (temporanei) sono l’insonnia (non si riesce ad addormentarsi nei viaggi verso est e ci si risveglia prestissimo nei viaggi verso ovest), con conseguente sonnolenza durante il giorno, mal di testa, difficoltà di concentrazione, inappetenza e senso di affaticamento. L’intensità della sindrome dipende da diversi fattori tra cui l’età, la diversa abitudine al sonno e le caratteristiche individuali delle persone.

Come fare per prevenire questa sindrome? A partire da qualche giorno prima del viaggio è bene cercare di riposare e assumere una compressa di integratore a base di melatonina alla sera. Questo perché i disturbi del sonno sono legati a uno squilibrio della secrezione di melatonina, un ormone prodotto dalla ghiandola pineale, posta alla base del cervello, che ha funzione di regolatore del sonno. Durante e dopo il volo è consigliabile bere molta acqua per evitare la disidratazione e non assumere alcol e caffeina, per i loro effetti negativi sul sonno.

Pubblicato il: 10-08-2022
Di:
FONTE : Fondazione Veronesi

© 2022 sanihelp.it. All rights reserved.