Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Come acquisire consapevolezza di sé con la mindfulness

L'insieme di pratiche che aiutano a rilassare le membra per concentrarsi sul fuoco vivo che arde dentro di noi sono state raggruppate e ribattezzate come mindfulness.

3.5 di 5
Come acquisire consapevolezza di sé con la mindfulness istock

Quante volte è capitato di sentire, soprattutto tra gli anziani: «Si stava meglio prima, si viveva meglio e in pace». Ad oggi, in effetti, la società impone dei ritmi serrati e questo ha portato ad accumulare tensione e stress. Spesso, questo accumulo pesa sul nostro benessere psicofisico. Il tutto è stato accentuato con lo scoppio della pandemia che ha portato a un isolamento sociale. Però,«non tutti i mali vengono per nuocere»; infatti, è proprio grazie a questa chiusura forzata se molti tra noi hanno riscoperto e ritrovato sé stessi, soprattutto grazie ad alcune tecniche di meditazione.

La voglia di rientrare in contatto con sé stessi per riprendere consapevolezza di sé è da sempre uno scopo dell’essere umano. Già gli antichi greci esortavano gli individui a seguire la massima religiosa iscritta, a Delfi, nel tempio di Apollo: γνῶθι σαυτόν (gnōthi sautón), ovvero conosci te stesso. L’insieme di pratiche, tra cui lo yoga, la meditazione o la musicoterapia, che aiutano a rilassare le membra per concentrarsi sul fuoco vivo che arde dentro di noi, sulla parte più profonda a cui difficilmente poniamo attenzione, sono state raggruppate e ribattezzate come mindfulness.

Mindfulness: cos’è e perché è importante praticarla

La mindfulness vuol dire letteralmente consapevolezza. Affonda le radici nel 1979, quando il biologo Jon Kabat-Zinn incominciò a mettere in pratica negli ospedali tutte le sue conoscenze che attingevano dal mondo della meditazione. In poco tempo, la mindfulness riuscì a diffondersi in più parti del mondo, dagli Stati Uniti all’Occidente. Ha diversi campi di applicazione; infatti, i suoi benefici si possono rintracciare in pazienti affetti da disturbi di ansia e stress fino ad arrivare a problemi legati all’alimentazione e al sonno.

Inoltre, questa pratica non solo può aiutare a guarire ma anche a prevenire. Punto degno di nota che testimonia la sua efficacia se utilizzata come strumento per evitare alcuni problemi e, di conseguenza, consentirà sempre di avere forte padronanza di sé grazie all’aumento di lucidità e concentrazione.

Per mettere in pratica e iniziare un percorso terapeutico basato sulla mindfulness è bene rivolgersi a professionisti nel settore affinché il percorso abbia una valenza e possa realmente migliorarci. Per questo motivo, se si desidera acquisire maggior consapevolezza di sé, Simone Gatto si pone sul podio tra gli esperti nel settore grazie alla sua esperienza maturata sia sul campo sia su sé stesso.

Come si pratica la mindfulness

Tante volte nella nostra vita abbiamo avuto »la testa fra le nuvole», in quell’esatto momento abbiamo perso consapevolezza di noi stessi. Questo non vuol dire che non si debba sognare ad occhi aperti, ma che bisognerebbe porre più attenzione al presente, al momento, all’istante.

Se dovessimo continuare a perderci, si potrebbe rischiare di perdere automaticamente il bello del, come direbbero i latini, hic et nunc, ovvero il qui ed ora, che dà il nome a un metodo tra le tecniche della meditazione mindfulness. Come possiamo cogliere il bello se non lo notiamo proprio a causa della mancata consapevolezza? Anche a questo serve la mindfulness che, grazie ad appositi esercizi che variano da professionista a professionista, sarà in grado di aiutare a focalizzarci sui nostri pensieri e ci donerà una visuale critica su noi stessi per poi consentirci di osservare e avere una visuale più lucida e consapevole sul mondo.

Pubblicato il: 21-07-2022
Di:
FONTE : cs

© 2022 sanihelp.it. All rights reserved.