Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Covid, vaccino autorizzato tra i 12 e i 17 anni

Il Novavax è stato approvato dalla Commissione UE per l'uso negli adolescenti

3.5 di 5
Covid, vaccino autorizzato tra i 12 e i 17 anni istock

La Commissione europea ha autorizzato l’estensione delle indicazioni del vaccino Nuvaxovid di Novavax agli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni. Si tratta del primo vaccino a subunità proteica approvato dalla Ce in questa fascia di età, fa sapere l’azienda produttrice.

«Siamo estremamente lieti che Nuvaxovid, il nostro vaccino per Covid-19, sia ora disponibile anche per gli adolescenti in Europa - ha dichiarato Stanley C. Erck, presidente e amministratore delegato di Novavax - Il nostro vaccino a base di proteine, sviluppato applicando un approccio innovativo alla tecnologia tradizionale, ha dimostrato efficacia e sicurezza sia negli adolescenti che negli adulti».

L’autorizzazione è dovuta al parere positivo dell’EMA (Agenzia europea per i medicinali) lo scorso 23 giugno e si basa su uno studio effettuato negli Stati Uniti su adolescenti per valutare la sicurezza, l’immunogenicità e l’efficacia del vaccino. Nel corso dello studio Novavax ha dimostrato una efficacia clinica complessiva dell’80% nel periodo in cui il ceppo di Sars-Cov-2 predominante negli Stati Uniti era la variante Delta. È stato anche dimostrato che il vaccino è in genere ben tollerato e che le reazioni avverse gravi sono state poche. Gli effetti collaterali più frequenti che si sono manifestati sono stati dolore nel sito di iniezione, cefalea, mialgia (male alla muscolatura), malessere e affaticamento. Il vaccino deve essere somministrato esclusivamente per via intramuscolare, in due dosi a distanza di 21 giorni una dall’altra. Deve essere conservato in frigorifero, da +2 a +8°C.  Nuvaxovid è stato creato usando la tecnologia Novavax delle nanoparticelle ricombinanti per generare l’antigene della proteina Spike, che è purificato e non è in grado di replicarsi né di causare la malattia. Il vaccino non è ancora stato autorizzato negli Stati Uniti e la Food and Drug Administration non ha ancora approvato il nome commerciale.

Pubblicato il: 11-07-2022
Di:
FONTE : Pharmakronos

© 2022 sanihelp.it. All rights reserved.