Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Rosolia congenita e in gravidanza

La rosolia può diventare pericolosa se contratta in gravidanza: vediamo come e perché

3.5 di 5
Rosolia congenita e in gravidanza istock

La rosolia è una malattia infettiva acuta esantematica, causata da un virus a RNA chiamato Rubella virus. Si manifesta con un’eruzione cutanea, con febbre di solito non altissima, con ingrossamento di alcuni linfonodi e a volte con sintomi da raffreddamento. Generalmente è una malattia lieve, ma diventa pericolosa se contratta in gravidanza perché può portare ad aborto spontaneo, morte intrauterina del feto o gravi anomalie congenite.
La rosolia si trasmette per via aerea, con le goccioline emesse con uno starnuto o un colpo di tosse. Alcune persone contraggono la malattia in modo asintomatico, senza neppure rendersene conto. Altra modalità di trasmissione è dalla donna in gravidanza che contrae l’infezione e la trasmette attraverso la placenta al neonato. Il bimbo con la rosolia congenita può trasmettere l’infezione fino a un anno dalla nascita.
Se la donna si infetta poco prima del concepimento o nelle prime settimane di gravidanza il rischio di malformazioni gravi nel neonato è concreto, mentre se si ammala dopo le prime venti settimane di gestazione raramente si manifestano problemi congeniti.
Le manifestazioni più comuni della rosolia congenita sono sordità e difetti della vista, anomalie cardiache, ritardo mentale e problemi al fegato e alla milza.
Per la diagnosi non è facile basarsi sulla sola eruzione cutanea, che può essere confusa con quella di altre malattie infettive, si ricorre quindi a esami di laboratorio per verificare la presenza di anticorpi specifici.
La rosolia si può prevenire con la vaccinazione, con il vaccino vivo attenuato Morbillo-Parotite-Rosolia, del quale sono previste due dosi, sia nei bambini che negli adolescenti e negli adulti mai vaccinati.
In Italia e in altri paesi i medici devono notificare i casi di rosolia alle autorità sanitarie competenti, allo scopo di evitare le epidemie.

Pubblicato il: 18-01-2022
Di:
FONTE : Epicentro ISS

© 2022 sanihelp.it. All rights reserved.