Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Disturbi digestivi: la sindrome dell'intestino corto

È un disturbo che causa cattiva digestione e malassorbimento

3.5 di 5
Disturbi digestivi: la sindrome dell'intestino corto iStock

L’intestino umano è lungo circa 9 metri, di cui circa 7 di tenue. La maggior parte dei processi digestivi avviene proprio nel tenue, quindi se per qualche motivo patologico (per esempio un tumore o malattie congenite) una parte di esso è stata asportata chirurgicamente, si presenta una serie di disturbi come diarrea e malassorbimento dei cibi. La sindrome dell’intestino corto, o SBS, è una malattia rara e invalidante, che può colpire sia adulti sia bambini. Dopo l’intervento chirurgico, il paziente riceve il cibo e i fluidi per via endovenosa, e c’è la possibilità che l’alimentazione in vena debba protrarsi per tutta la vita.
Le complicanze sono dovute più che altro alla malnutrizione con conseguente malassorbimento di nutrienti e sali biliari, e alla perdita intestinale di acqua e sali minerali. Si possono verificare quindi ipotensione, insufficienza renale, calcoli alla cistifellea, diarrea, ipoalbuminemia, carenza di calcio e magnesio nel sangue.
L’insufficienza intestinale da SBS può anche essere una condizione reversibile, grazie al processo di adattamento intestinale e alla riabilitazione, ma in caso di persistenza la nutrizione parenterale sarà a vita, a meno che non si venga sottoposti a trapianto di intestino.
L’impatto sulla qualità di vita è rilevante, in particolar modo se si tratta di bambini, la cui gestione è affidata alle famiglie.
Il trattamento, oltre alla nutrizione parenterale, si basa su farmaci quali antidiarroici e antiacidi al bisogno e integratori alimentari per supplire alle carenze.
Oggi è però disponibile un farmaco che è indicato nei pazienti che devono continuare una nutrizione per via solamente o prevalentemente endovenosa a causa di un'insufficiente funzionalità intestinale. Il medicinale si chiama teduglutide ed è in grado di aumentare la capacità di assorbimento delle cellule epiteliali intestinali.

Pubblicato il: 27-09-2021
Di:
FONTE : Pharmastar

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.