Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Farmaci: statine per abbassare i lipidi del sangue

Si tratta di un gruppo di farmaci tra i più utilizzati per ridurre i livelli elevati di grassi nel sangue

3.5 di 5
Farmaci: statine per abbassare i lipidi del sangue iStock

Il colesterolo nel sangue viene prodotto dall’organismo per l’80%, e solo il 20% viene introdotto con l’alimentazione. 
Le statine inibiscono un enzima, HMG-CoA riduttasi, che serve per la produzione di colesterolo, riducendone così la produzione e agiscono anche sui livelli di trigliceridi nel sangue, ma in misura minore. 
Si trovano in commercio anche diversi integratori che si utilizzano per ridurre il colesterolo, che però agiscono limitando l’assorbimento del colesterolo contenuto nel cibo, quindi possono influenzare solo il colesterolo proveniente dall’alimentazione.
Se, in seguito a un esame del sangue, si riscontrano livelli troppo alti di colesterolo, il medico potrà consigliare uno stile di vita più salutare, suggerendo di perdere peso se necessario, una dieta sana e attività fisica. Se ciò, tuttavia, non dovesse risultare sufficiente, potrà decidere se prescrivere un farmaco appartenente al gruppo delle statine.
Le proprietà antinfiammatorie delle statine a livello delle pareti delle arterie svolgono un ruolo protettivo, riducendo il rischio di eventi cardiovascolari quali infarto, angina e ictus, pertanto esse possono essere prescritte come prevenzione negli infartuati e in genere nelle persone che hanno subito questi tipi di situazioni.
Le statine si trovano sotto forma di compresse, in vari dosaggi, da prendere una volta al giorno, meglio sempre alla stessa ora, per esempio prima di coricarsi. 
Non sono però adatte a tutti, in quanto il loro utilizzo è controindicato non solo in gravidanza e in allattamento, ma anche nelle persone che hanno patologie del fegato.
Tra gli effetti indesiderati, disturbi gastrointestinali (stipsi, flatulenza, dispepsia, nausea, diarrea), cefalea, perdita di sangue dal naso, nasofaringite, iperglicemia, dolori ai muscoli, spasmi muscolari, dolori alla schiena.
Una brutta notizia per le persone che assumono statine e a cui piace il succo di pompelmo: meglio evitare di berlo, perché esiste un’interazione proprio tra statine e pompelmo che può facilitare la comparsa di effetti collaterali.
I principi attivi appartenenti al gruppo delle statine attualmente in uso in Italia sono:
atorvastatina
fluvastatina
lovastatina
pravastatina
rosuvastatina
simvastatina

Pubblicato il: 24-09-2021
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.