Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Lockdown e bambini, un anno dopo

Nessuno, soprattutto i più piccoli, è passato indenne da questo ultimo anno così difficile

3.5 di 5
Lockdown e bambini, un anno dopo iStock

La ricerca è dell’Università di Milano Bicocca, la seconda dopo quella svoltasi a maggio 2020.
Entrambe le edizioni dell’indagine Bambini e lockdown, la parola ai genitori sono state condotte dalla Società italiana delle cure primarie pediatriche, SICuPP Lombardia- Marina Picca, Presidente e coordinatrice scientifica del progetto per i pediatri, con la collaborazione di un gruppo di ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca, Paolo Ferri e Chiara Bove, docenti del Dipartimento di Scienze umane per la formazione, e della spin off dell’Università di Milano-Bicocca Bambini Bicocca, Susanna Mantovani, coordinatrice scientifica.
Attraverso questionari, si sono evidenziate situazioni di disagio soprattutto a livello psicologico.
«Alimentazione e sonno - afferma Marina Picca - continuano a essere messi a dura prova. Rispetto ai dati del 2020 abbiamo osservato un miglioramento, ma persistono elementi di preoccupazione. Un dato nuovo non indagato nella ricerca del 2020 è la presenza di malessere fisico nei bambini, soprattutto in età scolare. La persistenza di alcuni comportamenti che testimoniano malessere della salute mentale e fisica desta preoccupazione e impone la necessità di investire maggiormente nel sostenere i bambini, i genitori e le famiglie».
Da considerare appunto anche i malesseri fisici, in quanto si è evidenziato che i bambini tra i 6 e i 10 anni hanno accusato cefalea, mal di pancia, disturbi agli occhi (che ai controlli hanno rivelato spesso casi di miopia), stanchezza.
Cosa si può fare? Fortunatamente la situazione sanitaria sembra volgere al miglioramento e forse possiamo intravedere la luce in fondo al tunnel, ma è necessario, e questo anche in tempi normali, limitare l’uso dello smartphone, dei videogiochi e dei tablet, evitando di trasformare questi strumenti in baby sitter. Questo compito spetta prima di tutto ai genitori, che dovranno educare i figli a un uso consapevole di smartphone & C.

Pubblicato il: 14-09-2021
Di:
FONTE : Adnkronos salute

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.