Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Un farmaco multitasking: l'ivermectina

Generalmente utilizzata come antiparassitario, ultimamente è balzata agli onori delle cronache anche per altre proprietà

3.5 di 5
Un farmaco multitasking: l'ivermectina iStock

L'ivermectina è un farmaco che cura alcune malattie parassitarie. 
Nelle persone, la FDA ha approvato la prescrizione di compresse di ivermectina per il trattamento di due infezioni causate da vermi parassiti:
Strongiloidosi, che può causare problemi come mal di pancia, gonfiore, bruciore di stomaco, diarrea ed eruzioni cutanee. Oncocercosi, chiamata anche cecità fluviale, che può causare eruzioni cutanee pruriginose, malattie degli occhi o escrescenze anormali sotto la pelle.
I medici possono anche prescrivere ivermectina da applicare sulla pelle per trattare i pidocchi e le condizioni della pelle come la rosacea e la scabbia.
Ultimamente si è parlato dell’ivermectina per la prevenzione e il trattamento di Covid 19.
L'ivermectina è approvata per il trattamento del Covid 19?
Nell'Unione Europea (UE) le compresse di ivermectina sono approvate per il trattamento di talune infestazioni parassitarie, mentre le preparazioni cutanee sono approvate per il trattamento di condizioni cutanee quali la rosacea. Ivermectina è inoltre autorizzata per uso veterinario in un'ampia gamma di specie animali per contrastare i parassiti interni ed esterni.
Nell’UE l’uso dei medicinali a base di questo principio attivo non è autorizzato per Covid 19 e l'EMA (Agenzia Europea del Farmaco) non ha ricevuto alcuna domanda per autorizzare tale uso.
A seguito di recenti notizie e pubblicazioni sull'uso di ivermectina, l'EMA ha esaminato le ultime evidenze pubblicate tratte da studi di laboratorio, studi osservazionali, studi clinici e meta-analisi. Questi studi hanno mostrato che ivermectina potrebbe bloccare la replicazione del SARS-CoV-2 (il virus che causa Covid 19), ma a concentrazioni molto più elevate rispetto a quelle raggiunte con le dosi attualmente autorizzate. 
Pertanto l'EMA ha concluso che le evidenze attualmente disponibili non sono sufficienti a supportare l'uso di ivermectina per Covid 19 al di fuori degli studi clinici controllati, quindi ne scoraggia l’uso.
Neppure la FDA ha approvato l'ivermectina per trattare o prevenire la malattia causata dal coronavirus.
Gli scienziati hanno bisogno di maggiori informazioni prima di poter dire se è sicuro o efficace, ecco perché i principali gruppi come la FDA, la Infectious Diseases Society of America e l'Organizzazione Mondiale della Sanità concordano con quanto stabilito dall’EMA.
Attualmente il modo migliore per proteggere se stessi e i propri cari dal coronavirus è vaccinarsi.

Pubblicato il: 02-09-2021
Di:
FONTE : Webmd.com - AIFA

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.