Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Orlistat: un farmaco per perdere peso

Da anni in commercio, l'orlistat viene impiegato nel trattamento di pazienti in sovrappeso o obesi

3.67 di 5
Orlistat: un farmaco per perdere peso iStock

Il medicinale orlistat, che viene prescritto allo scopo di perdere peso, deve comunque essere associato a una dieta ipocalorica, ricca di frutta e verdura, e a un aumento dell’attività fisica, per il trattamento di pazienti obesi con indice di massa corporea (BMI) maggiore o uguale a 30 kg/m2, o di pazienti in sovrappeso (BMI ≥ 28 kg/m2) con fattori di rischio associati.
A seconda del dosaggio, alcune formulazioni sono di libera vendita, mentre altre necessitano di presentazione di ricetta medica.
Come agisce questo principio attivo? Orlistat è un inibitore potente, specifico e ad azione prolungata delle lipasi gastrointestinali, gli enzimi che metabolizzano i grassi introdotti con l’alimentazione, i quali vengono così eliminati, immodificati, con le feci, che assumono un aspetto grasso/oleoso. 
Tutti possono usare questo farmaco? Non proprio, in quanto esistono delle controindicazioni. Va evitato dalle donne che allattano, e in gravidanza occorre molta prudenza, così come in chi soffre di diabete, in quanto l’orlistat può interferire con la terapia antidiabetica.
Altre interazioni rilevate sono con la ciclosporina, farmaco antirigetto, con anticoagulanti orali, come warfarin, con l’assorbimento delle vitamine liposolubili (A, D, E, K) e con farmaci per il cuore come amiodarone.
Nei bambini non ci sono studi a sufficienza per raccomandarne l’uso.
Recentemente l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha valutato alcune segnalazioni riguardo a rari danni epatici provocati da questo medicinale, rischio peraltro già conosciuto ed evidenziato anche nella scheda tecnica, che riporta il possibile aumento degli enzimi epatici, come transaminasi e fosfatasi alcalina, e casi di grave epatite.
L’EMA spiega nel suo comunicato che la stragrande maggioranza delle segnalazioni riguarda reazioni avverse epatiche non gravi, mentre casi gravi sono stati riportati molto raramente. 
Il riesame dell’EMA stabilirà se lasciare le cose come stanno o modificare le modalità di prescrizione o addirittura se procedere alla revoca o alla sospensione del farmaco.

Pubblicato il: 25-08-2021
Di:
FONTE : RCP Xenical

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.