Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

La dieta mediterranea: olio extravergine di oliva

Denominato Olio EVO, quest'olio offre diversi benefici

3.8 di 5

L’olio extravergine di oliva si ottiene dai frutti di Olea europaea L., l’ulivo.
È costituito per il 99% da acidi grassi, ma contiene anche altre sostanze che conferiscono il profumo e l’aroma, e antiossidanti che forniscono al prodotto resistenza all’invecchiamento e all’irrancidimento.
L’Italia, dopo la Spagna, è il maggior produttore di olio di oliva, la cui classificazione, produzione e commercializzazione è normata da regole molto precise, il Regolamento CEE n. 2568/91.
Tra gli oli d’oliva si distinguono:
olio di oliva vergine, che si ottiene dall’oliva mediante processi esclusivamente meccanici o altri processi fisici che non provochino alterazioni dell'olio. Le olive devono subire soltanto lavaggio, decantazione, centrifugazione e filtrazione. L'olio di oliva vergine a sua volta è classificato in:

olio di oliva extra vergine (olio EVO);

olio di oliva vergine (con acidità inferiore al 2%);

olio di oliva vergine lampante;

olio di oliva raffinato, ottenuto da oli vergini con tecniche di raffinazione che non modifichino la struttura chimica dei grassi contenuti nell'olio;

olio di oliva, ottenuto dal taglio di olio vergine con olio raffinato;

olio di sansa di oliva greggio, ottenuto con trattamenti della sansa (un sottoprodotto del processo di estrazione dell'olio di oliva composto dalle bucce, dai residui della polpa e dai frammenti di nocciolo) con solvente. Destinato a raffinazione e usi tecnici; 

olio di sansa di oliva raffinato, ottenuto per raffinazione dell'olio di sansa di oliva greggio; 

olio di sansa di oliva, ottenuto dal taglio dell'olio di sansa di oliva raffinato con olio vergine. 

Le proprietà benefiche dell’olio extravergine di oliva sono soprattutto legate al loro contenuto in polifenoli, con forte azione antiossidante. In particolare, sono in grado di ridurre il livello di radicali liberi, proteggendo le cellule del nostro organismo dal danno ossidativo e di inibire l'attivazione di processi infiammatori e proliferativi (di crescita e trasformazione tumorale delle cellule).
Inoltre, i polifenoli svolgono un’azione favorevole sul metabolismo lipidico, aiutando a ridurre i trigliceridi e il colesterolo e contrastando la formazione della placca aterosclerotica, ossia il deposito di grassi e tessuto cicatriziale che rende le pareti arteriose meno elastiche.
L’olio EVO ha quindi effetti benefici anche sulla pressione arteriosa e sugli eventi cardiovascolari in genere.
L’azione antiossidante dell’olio EVO sembra avere azione protettiva nei confronti di alcuni tipi di tumore, anche se il meccanismo con cui si formano i tumori è molto complesso.

Pubblicato il: 04-08-2021
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.