Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Patologie oculari: la degenerazione maculare senile

È una malattia legata all'invecchiamento, in alcuni casi non dà problemi, in altri si manifesta in forma grave

3.8 di 5
Patologie oculari: la degenerazione maculare senile iStock

La degenerazione maculare senile (DMS) è, come dice il nome, legata all’età, e colpisce la parte centrale della retina, la macula. È la causa principale di perdita della vista dopo i 60 anni.
Se ne distinguono due tipi: la degenerazione maculare senile secca e umida.
La forma secca (non essudativa o atrofica) è la più comune, e colpisce circa l’85% delle persone con degenerazione maculare senile, mentre la forma umida (essudativa o neovascolare) si manifesta in circa il 15% dei pazienti.
sintomi della degenerazione maculare secca sono visione centrale offuscata oppure presenza di un piccolo punto cieco nel campo visivo. Col tempo, il punto cieco diventa progressivamente più grande e compromette ulteriormente la capacità visiva, rendendo più difficile la lettura, la guida o le normali attività quotidiane.
I sintomi della degenerazione maculare umida, di solito, insorgono e peggiorano rapidamente, portando all’improvvisa perdita della visione centrale. Altri disturbi sono la visione di forme distorte, confuse o irregolari.
sintomi comuni a entrambe le forme, oltre alla diminuzione della capacità visiva, sono fotofobia (sensazione di fastidio e difficoltà visiva in ambienti luminosi), difficoltà di adattamento dalla luce al buio e viceversa, difficoltà nel riconoscere i volti delle persone.
La diagnosi viene fatta con accertamenti specifici, come l’esame del fondo oculare, indicato per entrambe le forme di DMS, e altri esami dell’occhio.
Non si conosce ancora la causa esatta del comparire di questa malattia, anche se si ritiene che l’ereditarietà abbia un ruolo importante.
Tra gli altri fattori di rischio ricordiamo il fumo e l’alcol, il diabete, le malattie cardiovascolari.
Il trattamento consiste nell’assunzione di integratori alimentari contenenti luteina, zeaxantina, zinco, vitamine A e C, betacarotene.
In caso di degenerazione maculare essudativa il trattamento più diffuso si avvale invece di iniezioni intravitreali di farmaci che contrastano la formazione di nuovi vasi.
Una terapia innovativa per la DMS secca è la fotobiomodulazione maculare. Gli stadi iniziali e intermedi della malattia rispondono meglio al trattamento, che va a stimolare gli strati cellulari coinvolti nella patologia attraverso una particolare luce Led a diverse lunghezze d’onda.
L’obiettivo è quello di migliorare il metabolismo delle cellule dell’epitelio pigmentato per far regredire la malattia.
Si nota infatti un miglioramento della qualità visiva e un aumento del contrasto dei colori.
Il trattamento è rapido e indolore, dura pochi minuti, durante i quali il paziente deve solo fissare una luce. Si effettua ambulatorialmente e non crea nessuna limitazione nella vita quotidiana.

Pubblicato il: 14-07-2021
Di:
FONTE : Lamiavista.it

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.