Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Ricerca: scoperto gene contro virus e tumori

Lo studio è stato realizzato dai ricercatori dell'Istituto San Raffaele Telethon

3.5 di 5
Ricerca: scoperto gene contro virus e tumori iStock

Gli interferoni sono un insieme di molecole proteiche con un ruolo chiave: dal loro rilascio dipende infatti la capacità del sistema immunitario di eliminare con successo patogeni come SARS-CoV-2 e altri virus o di contrastare lo sviluppo dei tumori.
I ricercatori dell’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica hanno scoperto il ruolo di un gene che agisce come interruttore per la produzione di interferone beta.
La ricerca, coordinata da Renato Ostuni, responsabile del Laboratorio genomica del Sistema Immunitario Innato presso l’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica (SR-Tiget) di Milano, è stata pubblicata sulla rivista Immunity.
Questa scoperta è importante per le sue applicazioni nella lotta alle malattie infettive e oncologiche e apre la strada a nuove terapie.
«Ecco perché - spiega il prof. Ostuni - l'evoluzione ha prodotto una serie ridondante di interruttori di sicurezza: geni diversi che devono essere attivati in serie prima di permettere la sintesi degli interferoni. Si tratta di un sistema di protezione pensato per evitare che queste molecole infiammatorie vengano rilasciate nei tessuti quando non è strettamente necessario».
Il gene in questione si chiama MEF2A e codifica per una proteina già conosciuta per il suo ruolo nello sviluppo del sistema nervoso e muscolare. Finora, però, non si pensava che MEF2A potesse avere un ruolo così importante anche per il funzionamento del sistema immunitario.
Gli scienziati sono arrivati a scoprire le funzioni di MEF2A studiando il meccanismo d’azione di una prostaglandina, PGE2, che ha capacità di modulare le risposte immunitarie. 
La scoperta di un nuovo gene che regola la produzione dell’interferone beta e della capacità di una molecola già nota, la prostaglandina E2, di limitarne la funzione può avere diverse applicazioni, che vanno dal trattamento delle malattie infettive allo sviluppo di nuove strategie di immunoterapia per i tumori

Pubblicato il: 23-06-2021
Di:
FONTE : Adnkronos Salute

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.