Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

La sindrome di Tako Tsubo

Conosciuta anche come sindrome del cuore spezzato, a causarla sono spesso le forti emozioni o lo stress

3.5 di 5
La sindrome di Tako Tsubo iStock

sintomi sembrano quelli dell’infarto: affaticamento, dolore al torace, fatica a respirare. L’elettrocardiogramma e gli enzimi cardiaci rilevabili dagli esami del sangue risultano alterati, ma non le coronarie. È la sindrome del crepacuore, o del cuore spezzato, che è stata descritta in Giappone nel 1990 e che colpisce prevalentemente le donne. Viene chiamata così perché a causarla può essere un forte stress emotivo e non è molto diffusa.

La sindrome colpisce solo una parte del cuore, di cui interrompe temporaneamente la capacità di pompare sangue, mentre il resto del cuore continua a funzionare normalmente.

Alcune complicazioni della sindrome possono essere:

eccesso di liquido nei polmoni 

bassa pressione del sangue 

battito cardiaco irregolare

arresto cardiaco

Se si interviene con tempestività la condizione guarisce entro poche settimane senza particolari conseguenze, e solo molto raramente provoca la morte.

La causa della sindrome di Tako Tsubo non è ben conosciuta, si pensa che una massiva liberazione di ormoni dello stress, come l’adrenalina, possa provocare danni al cuore di persone predisposte, in che modo preciso non è dato sapere. Ciò che è certo, invece, è che la sindrome è sempre preceduta da eventi emozionali, o fisici, molto intensi.

Alcuni eventi scatenanti possono essere:

la morte di una persona cara;

difficoltà economiche o perdita del lavoro;

diagnosi infauste per sé o per i propri cari;

violenza domestica;

stress fisici come fratture o interventi chirurgici importanti.

Anche alcuni farmaci, benché raramente, possono causare la liberazione di ormoni dello stress favorendo l’instaurarsi di questa sindrome.

Il principale fattore di rischio è il sesso, in quanto la sindrome colpisce in maniera nettamente predominante le donne, altri fattori sono l’età superiore ai 50 anni, disturbi neurologici o psichiatrici.

Una volta stabilita la diagnosi, si inizia una terapia di supporto a base di betabloccanti, ACE-inibitori, sartani e diuretici. La prognosi è di solito buona e il tessuto del cuore recupera la sua funzionalità.

Pubblicato il: 26-03-2021
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.