Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Un aiuto per le articolazioni: la glucosamina solfato

Vediamo cos'è e a cosa serve la glucosamina

3.5 di 5
Un aiuto per le articolazioni: la glucosamina solfato iStock

La glucosamina è uno zucchero coinvolto nella sintesi di diverse sostanze naturali, quali zuccheri, lipidi e proteine.

Ne esistono diverse forme: la glucosamina solfato, la glucosamina cloridrato e la N-acetilglucosamina, presente nell’acido ialuronico.

La glucosamina è un precursore di componenti essenziali della cartilagine delle articolazioni e contribuisce a mantenere integra la cartilagine stessa, cioè il tessuto che funziona da cuscinetto ammortizzatore proteggendo le estremità articolari delle ossa dall'attrito.

In malattie come l’artrosi e l’artrite la cartilagine è assottigliata o lacerata.

La glucosamina solfato è ritenuta più efficace per la protezione delle cartilagini rispetto agli altri tipi di glucosamina che non contengono il gruppo solfato.

Viene prodotta a partire dai gusci di crostacei o dalla fermentazione del grano, o sintetizzata in laboratorio.

In Italia la glucosamina solfato è indicata per alleviare i sintomi dell’artrosi ed è disponibile come specialità medicinale o come integratore, in quest’ultimo caso di solito associata ad altri componenti che hanno le stesse funzioni.

La sua azione antidolorifica e di miglioramento della funzione delle cartilagini articolari richiede tempi più lunghi rispetto a quelli di un normale antinfiammatorio non steroideo, ma questo è compensato dal fatto che gli effetti indesiderati sono molto più contenuti, in quanto il prodotto è di norma ben tollerato.

Seppure raramente, la glucosamina può provocare cefalea, sonnolenza, nausea, diarrea o stipsi, pesantezza di stomaco.

Pur trattandosi di un prodotto che, come abbiamo visto, non causa eventi collaterali importanti, è bene, prima di assumerlo, chiedere consiglio al proprio medico curante.

Pubblicato il: 12-02-2021
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.