Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Una sostanza chimica discussa: il bisfenolo

Il bisfenolo è molto usato, in campo alimentare e non

3.5 di 5
Una sostanza chimica discussa: il bisfenolo iStock

Il bisfenolo (BPA) è impiegato in tutti i paesi industrializzati, in vari settori.

Viene utilizzato nella produzione di plastiche in policarbonato, che per le loro proprietà di trasparenza e resistenza si impiegano nei recipienti per uso alimentare e nelle resine che costituiscono il rivestimento interno di molte lattine per bevande e alimenti, e in campo non alimentare è usato per esempio per la carta termica degli scontrini e perfino per i dispositivi odontoiatrici.

Tuttavia, la sostanza non ha una buona fama, in quanto è accusata di interferire con il sistema endocrino dell’organismo, in particolare nella prima infanzia. Molti studi sostengono che il bisfenolo abbia un’azione estrogenica, cioè sia in grado di mimare l’azione degli ormoni femminili, influenzando quindi diverse funzioni organiche.

Il pericolo è soprattutto nel fatto che, se i recipienti alimentari che lo contengono sono esposti ad alte temperature e non sono perfettamente integri, il BPA può passare dal recipiente al cibo e alle bevande in esso contenuti.

Dal 2009 è inserito nell'elenco delle sostanze vietate nei cosmetici, mentre dal 2011 il suo uso è vietato per la fabbricazione di biberon di policarbonato per lattanti.

Sull’argomento è intervenuta anche la EFSA (European Food Safety Autority), l’autorità europea per la sicurezza alimentare, che dal 2015 ha ridotto la dose quotidiana tollerabile da 50 a 4 microgrammi per chilo di peso corporeo, ma il BPA rimane sempre un sorvegliato speciale, che potrebbe essere sostituito, se possibile, con sostanze meno tossiche.

Pubblicato il: 09-02-2021
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.