Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Donare salute

Torna la Giornata di Raccolta del Farmaco

Questa volta durerà un'intera settimana per portare aiuto che quanti, e sono sempre di più, non possono permettersi l'acquisto di medicinali.

3.5 di 5
Torna la Giornata di Raccolta del Farmaco istock

Sanihelp.it - Quest’anno ha un significato ancora più forte. La pandemia e la conseguente crisi che ha prodotto ha avuto un impatto molto forte non solo su chi era già povero ma anche su un’ampia fascia di popolazione che ha visto drasticamente ridursi le proprie entrate dovendo così di conseguenza limitare tutte le spese, anche quelle relative ai medicinali, spesso di prima necessità.

Proprio per questo la Giornata di Raccolta del Farmaco, organizzata dalla Fondazione Banco Farmaceutico, per il secondo anno consecutivo durerà una settimana intera, dal 9 al 15 di febbraio: l’invito è come sempre quello di donare uno o più farmaci da banco per i tanti che l’emergenza sanitaria, diventata ormai un’emergenza sociale, ha messo in forti condizioni di bisogno.

L’edizione 2020 ha visto la donazione e la raccolta di 541.175 confezioni di medicinali (pari a un valore di 4.072.346 euro) e nel 2021 risulta fondamentale continuare questo trend positivo, ancor più proprio tenendo conto dell’impatto che ha avuto l’attuale pandemia sulla popolazione più povera che spesso, in questi mesi, è stata ancor più in difficoltà vivendo sovente un aggravio della propria marginalità.

Sarà possibile contribuire alla Giornata della Raccolta del Farmaco nelle oltre 5.000 farmacie che aderiscono in tutta Italia, grazie al sostegno di oltre 17.000 farmacisti e più di 20.000 volontari.

«Assosalute è orgogliosa di partecipare anche nel 2021 alla Giornata di Raccolta del Farmaco»»afferma Maurizio Chirieleison, Presidente Assosalute, Associazione nazionale farmaci di automedicazione che fa parte di Federchimica  «e di contribuire alla realizzazione di un evento che, nonostante l’incertezza che caratterizza questo periodo, è ormai diventato un punto di riferimento annuale e un esempio di solidarietà a livello nazionale».

«I farmaci senza obbligo di ricetta rappresentano una soluzione efficace e semplice per risolvere i più comuni disturbi di salute, e Assosalute è lieta di sostenere anche quest’anno l’iniziativa del Banco Farmaceutico che promuove un principio fondamentale, ossia il diritto alla salute per tutti, nessuno escluso» continua Chirieleison.

«Gli effetti della pandemia sono drammatici» ha commentato Chirieleison. «Nel 2020, 434.000 persone indigenti hanno avuto bisogno di medicinali ma non hanno potuto acquistarli per mancanza di risorse economiche, una situazione peggiorata dal Covid-19. Per questo motivo è fondamentale che, tutti coloro che ne hanno la possibilità, contribuiscano in modo concreto».

Come sempre anche un piccolo gesto del singolo può fare la differenza.

Pubblicato il: 09-02-2021
Di:
FONTE : Assosalute

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.