Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Dolore cronico ai tempi del Covid-19

Il dolore cronico rischia di essere penalizzato a causa del difficile momento che stiamo vivendo

3.5 di 5

Sono oltre 5 milioni gli italiani con problemi di dolore cronico dovuti a patologie osteoarticolari, ed è necessario che sia trattato per evitare peggioramenti a volte irreversibili. Durante il webinar L'impatto sociale del dolore ai tempi del COVID-19 e la ricerca di una visione integrata, sostenibile e personalizzata è stata messa in rilievo l’importanza di servizi di supporto psicologico e telemedicina.
L’incontro, promosso da Formiche (progetto culturale ed editoriale), con il contributo non condizionato di Neopharmed Gentili, ha messo a confronto decisori, pazienti e clinici sul tema dell’assistenza ai malati reumatici in questo drammatico periodo.
Il dolore cronico deve essere infatti monitorato perché non peggiori se trascurato, e i pazienti devono essere rassicurati perché, se chiunque ha problemi di stress dovuti alla pandemia, a maggior ragione li ha chi si trova in stato di fragilità. È necessario evitare il rischio che, per paura del contagio, gli ammalati non si rechino ai controlli. Le prestazioni erogate da medici e specialisti attraverso i servizi di telemedicina, in questi difficili mesi, stanno cercando di garantire assistenza e monitoraggio a pazienti affetti da malattie croniche, ma la verità è che siamo indietro rispetto ad altri paesi. 

Le malattie reumatologiche sono diverse, di origine infiammatoria, spesso come conseguenza di un’anomala risposta del sistema immunitario (l’artrite reumatoide, per esempio), o di natura degenerativa come l’artrosi.

Queste patologie si manifestano in modo graduale, ma portano nel tempo a gravi limitazioni dei movimenti. Il dolore può essere controllato da farmaci antinfiammatori, che però, a causa dei loro effetti collaterali, vanno usati per periodi limitati di tempo e sotto controllo medico.
«La telemedicina e il telemonitoraggio – spiega Lisa Noja, componente della Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati e membro dell'Intergruppo Innovazione – giocano un ruolo essenziale nel rendere efficiente il sistema sanitario e rappresentano un tassello fondamentale nella rete di riorganizzazione dell'assistenza, garantendo in alcuni ambiti un contenuto assistenziale quasi equivalente degli accessi tradizionali».

Pubblicato il: 19-11-2020
Di:
FONTE : Pharmastar

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.