Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Ansia da Covid: molti si consolano con il cibo

La noia di rimanere a casa, lo stress di poter contrarre il virus.... E ci si rifugia nel cibo

3.5 di 5
Ansia da Covid: molti si consolano con il cibo iStock

Ben il 55% degli italiani, soprattutto donne, ha trovato conforto nel cibo durante la pandemia (che purtroppo non è ancora finita). Le cause sono ansia, stati depressivi, insonnia e ipocondria. 

Lo afferma Assolatte, sulla base dei risultati di un'indagine condotta dalla Sinu (Società italiana di nutrizione umana)

In particolare il 48% degli intervistati ha ceduto al comfort food, che dà un'immediata gratificazione, ma rischia di avere un effetto boomerang, perché impatta sia sulla salute sia sul peso. 

Il comfort food è il cibo che coccola, che appaga: dopo una giornata no, una fetta di torta al cioccolato decisamente aiuta. Tuttavia, il comfort food non è uguale per tutti, ma è soggettivo e dipende dal vissuto, dai ricordi e, naturalmente, anche dai gusti personali.

Allora che fare? Si può comunque approfittare del ruolo rasserenante del cibo, scegliendo però gli alimenti che danno piacere e aiutano anche a controllare il peso, suggerisce Assolatte. Come per esempio i prodotti lattiero-caseari, che contengono sostanze alleate della linea (calcio, fermenti e sieroproteine) e che hanno effetti positivi sul metabolismo dei grassi e sul microbiota. 

Molti studi hanno rilevato che le persone, soprattutto le donne, che consumano più latte, yogurt e formaggi non grassi ingrassano di meno e mostrano un indice di massa corporea più basso di chi ne mangia di meno.

Inoltre, hanno anche minor probabilità di obesità e di accumulo di grasso addominale, la cosiddetta pancetta. 

Per cercare di tenere a bada queste emozioni, suggerisce Assolatte, sono indicati gli alimenti che apportano le vitamine del gruppo B, le quali partecipano al funzionamento nei neuroni (cellule del sistema nervoso) e alla produzione dei neurotrasmettitori, contrastando gli stati d'animo negativi. 

In particolare è importante la vitamina B12, presente nei broccoli e nei prodotti lattiero-caseari (latte in particolare), perché impedisce il surplus di omocisteina, che è collegato alla depressione. 

Consumare le 3 porzioni quotidiane di latte e yogurt e le 3 porzioni settimanali di formaggi suggerite dalla Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana è il modo più semplice e gustoso per favorire serenità, riposo notturno e buon umore. Questo perché questi cibi contengono triptofano, precursore della serotonina, un neurotrasmettitore che aiuta il morale e il buonumore.

Pubblicato il: 11-11-2020
Di:
FONTE : Ansa Salute

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.