Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute salute

S.O.S. il bimbo è caduto

Per i bambini è quasi una tappa obbligatoria: la caduta, la sbucciatura. Cosa fare?

3.5 di 5
S.O.S. il bimbo è caduto iStock

I bambini, a causa della loro vivacità, sono spesso soggetti a cadute durante la corsa o magari dalla bicicletta, con conseguenti escoriazioni. Se la lesione non è particolarmente estesa e non sembra presentare problemi in un soggetto in buona salute, può intervenire direttamente chi presta il primo soccorso. Il primo approccio è la detersione delle mani del soccorritore con acqua e sapone, per evitare che una banale escoriazione possa infettarsi. Per lo stesso motivo si procede poi alla pulizia accurata della ferita, in modo di eliminare la sporcizia apportatrice di germi e di asportare eventuali corpi estranei (sassolini, pezzi di vetro) dalla superficie della lesione. Ottima a questo scopo una leggera irrigazione con soluzione fisiologica. Se la ferita continua a sanguinare, è utile esercitare una compressione diretta sulla stessa con una compressa sterile. Si applica quindi un antisettico, con l’aiuto di una garza sterile. Acqua ossigenata, che deterge meccanicamente la lesione asportando anche i tessuti morti con la sua tipica effervescenza (ottima per le escoriazioni dei bambini); polivinilpirrolidone iodio (betadine), usato su cute intatta o su piccole lesioni, ha un’efficacia ad ampio spettro; le soluzioni di ipoclorito di sodio (amuchina e simili) controllano gli odori e dissolvono il tessuto necrotico; il benzalconio cloruro, infine, è dotato di proprietà germicide, detergenti e cheratolitiche. Raramente è richiesta l’applicazione di antibiotici per uso topico. 

Bisogna poi proteggere la ferita; la medicazione che viene posta a contatto con la ferita deve essere sterile. Non mettere mai del cotone idrofilo a diretto contatto con la ferita, altrimenti si rischia che le sue fibre rimangano imbrigliate nel coagulo in formazione, che si staccherebbe al momento di cambiare la medicazione, con conseguente dolore e sanguinamento. 

Il bambino deve essere visto da un medico in caso di persistenza del sanguinamento, se la ferita è importante o se è conseguenza del morso di un animale.

Pubblicato il: 08-11-2020
Di:
FONTE : Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – IRCCS

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.