Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

La diarrea: un problema frequente nell'infanzia

La diarrea non è una malattia, ma un sintomo che può manifestarsi in qualunque momento nella vita di un bambino

3.5 di 5
La diarrea: un problema frequente nell'infanzia iStock

La diarrea è un disturbo della defecazione caratterizzato dall’aumento della massa fecale, ma in particolare dall’aumento del suo contenuto in acqua, spesso accompagnato da un aumento del numero delle defecazioni. La diarrea acuta è dovuta a un agente scatenante, in genere virus o batteri, oppure a patologie o assunzione di farmaci. La diarrea cronica può essere dovuta alla sindrome del colon irritabile, a disturbi della motilità o, di solito solo negli adulti, anche all’abuso di lassativi. L’aumento della motilità del colon e conseguente prematuro svuotamento del suo contenuto è in genere correlato alla sindrome dell’intestino irritabile: il tempo di contatto dei nutrienti con la superficie intestinale assorbente viene ridotto e la quantità di liquido proveniente dal colon può superare la capacità di assorbimento di acqua e soluti con comparsa di diarrea. La terapia dietetica è fondamentale in questo disturbo e va mantenuta fino a che persistono i sintomi. L’obiettivo è quello di mantenere, oltre a una buona nutrizione, un buon equilibrio idro-salino. Per questo motivo spesso si consiglia di reintegrare i liquidi e gli elettroliti persi con soluzioni orali di libera vendita in farmacia, soprattutto nei bambini e negli anziani, più facili alla disidratazione.

Di solito la diarrea può essere gestita autonomamente dai genitori, ma ci sono casi nei quali è necessario contattare il pediatra, per esempio se il bambino ha febbre, dolori addominali, vomita, fa poca pipì, c’è sangue nelle feci, ha la pelle del pancino dura e poco elastica o soffre di malattie croniche.

Alimenti consigliati in caso di diarrea

liquidi, acqua, the;

mele crude, banane, limoni;

riso, per i più piccoli semolino;

carne scottata in padella;

carote;

pane tostato.

Alimenti sconsigliati

alimenti ricchi di scorie: le fibre hanno, infatti, azione lassativa; quindi, no momentaneamente a frutta e verdura e ad alimenti integrali;

latte e derivati;

legumi secchi.

Pubblicato il: 30-10-2020
Di:
FONTE : La salute naturale del mio bambino – Vitalia Murgia

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.