Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Emicrania con aura: un aiuto dai nutraceutici

L'emicrania è un problema molto comune: circa il 12% degli italiani ne ha sofferto almeno una volta

3.5 di 5
Emicrania con aura: un aiuto dai nutraceutici iStock

È quanto emerso nella seconda giornata del 34° congresso nazionale della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC).

Negli ultimi anni i nutraceutici si sono dimostrati come un’opzione terapeutica sempre più utilizzata contro l’emicrania con aura, ben accetti dai pazienti anche perché, non avendo effetti collaterali, sono considerati più sicuri dei farmaci tradizionali.

I nutraceutici sono dei prodotti naturali in grado di svolgere una funzione benefica sull’organismo. Nel caso dell’emicrania, si possono ricordare il partenio, il 5idrossi-triptofano (5-HTP) derivato da Griffonia e il Magnesio.

«Ben il 12% degli italiani ha sofferto almeno una volta nella vita di emicrania. È quindi una malattia molto diffusa, ma che risulta ancora sottovalutata. Negli ultimi anni diversi studi scientifici hanno dimostrato come i nutraceutici siano una valida opzione terapeutica. Oltre a essere efficaci sono solitamente ben accettati perché i pazienti li considerano trattamenti meno invasivi rispetto ai farmaci antiepilettici, beta bloccanti o antidepressivi. Inoltre, non presentano effetti collaterali e questo favorisce l'aderenza terapeutica che è uno dei maggiori problemi che noi specialisti dobbiamo affrontare. Si calcola che solo il 13% dei malati prende effettivamente la cura preventiva contro l'emicrania indicata dal neurologo» spiega il dott. Giorgio Dalla Volta, del Consiglio Direttivo Nazionale della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC) e Direttore del Centro Cefalee dell’Istituto Clinico Città di Brescia (Gruppo San Donato).

«La patologia può colpire tutti, anche se è più frequente tra le donne tra i 25 e i 55 anni - conclude Dalla Volta - dopo i 65 anni gli attacchi di emicrania proseguono, anche se è molto raro che l'emicrania cronica insorga per la prima volta in età così avanzata. Nei pazienti non più giovanissimi il quadro è complicato solitamente dalla presenza di altre patologie, come per esempio il diabete o l'ipertensione, che richiedono la somministrazione di farmaci. Quindi può essere auspicabile l'aggiunta di un nutraceutico nella terapia contro il mal di testa».

Pubblicato il: 02-10-2020
Di:
FONTE : Farmacista33.it

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.