Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Il botulismo: malattia rara, ma non troppo

Le tossine botuliniche sono molto tossiche per l'uomo

3.5 di 5

Il botulismo è una malattia neuro-paralitica causata dalle tossine botuliniche prodotte da clostridi.

Questi microrganismi si trovano un po’ dappertutto, sul suolo, negli alimenti, nel pulviscolo atmosferico. Il più conosciuto è il Clostridium botulinum, comunemente detto botulino.

La malattia comprende 5 forme:

botulismo alimentare, dovuto al consumo di alimenti contaminati con le tossine botuliniche;

botulismo infantile, causato dalla produzione di tossine botuliniche nell’intestino di lattanti sotto l’anno di vita;

botulismo da ferita, determinato dalla produzione di tossine botuliniche in una ferita. Si tratta di una malattia molto simile all’infezione tetanica;

botulismo da colonizzazione intestinale dell’adulto, forma rarissima; 

botulismo iatrogeno, infine, è dovuto all'uso non corretto delle tossine botuliniche per scopi terapeutici o cosmetici.

Ci soffermeremo in particolare sul botulismo alimentare, che può costituire un’emergenza di salute pubblica, soprattutto se l’alimento convolto è di larga distribuzione.

L’Italia è il Paese europeo col più alto numero di casi di botulismo.

In circa l’80% dei casi di botulismo alimentare la conserva alimentare contaminata con le tossine botuliniche è stata prodotta a livello domestico. 

Gli alimenti responsabili sono in genere vegetali sott’olio e vegetali in acqua, conserve di pesce, prosciutto/salsicce, formaggio, alimenti macrobiotici e panini/sandwich, funghi sott’olio, olive e cime di rapa in olio.

I segni che indicano la presenza di un’infezione da botulino e i disturbi che si manifestano possono variare da un lieve stato di malessere a una malattia che può portare alla morte anche in tempi relativamente brevi.

sintomi più frequenti sono: 

annebbiamento e sdoppiamento della vista 

dilatazione delle pupille 

difficoltà a mantenere aperte le palpebre 

difficoltà nell’articolazione della parola 

difficoltà di deglutizione

secchezza della bocca e delle fauci

stipsi.

Nel botulismo alimentare i disturbi solitamente compaiono 12-72 ore dopo aver mangiato gli alimenti contaminati. Maggiore è il quantitativo di tossina ingerito, minore sarà il tempo entro cui i disturbi compariranno e più grave risulterà la malattia.

Il botulismo è una malattia che richiede cure ospedaliere, spesso in terapia intensiva. La cura specifica del botulismo consiste nella somministrazione di un antidoto, il siero antitossine botuliniche, che ha lo scopo di neutralizzare le tossine presenti nel sangue ma non ha alcun effetto su quelle già penetrate nelle cellule nervose e, di conseguenza, sui disturbi già presenti.

Pubblicato il: 30-07-2020
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.