Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Grassi buoni, grassi cattivi e cuore

I grassi hanno una cattiva fama quando si parla di dieta. È giustificata?

3.5 di 5
Grassi buoni, grassi cattivi e cuore iStock

La cattiva fama dei grassi nella dieta è senz’altro in parte giustificata, perché alcuni possono svolgere un ruolo nelle malattie cardiovascolari, nel diabete, nel cancro e nell'obesità.

Ma non tutti i grassi sono uguali.

Alcuni grassi possono anche aiutare a mantenersi in buona salute.

Vediamo quali grassi evitare e quali mangiare con moderazione.

I grassi, con le proteine e gli zuccheri, sono componenti indispensabili della dieta, con lo scopo di fornire energia, ma svolgono anche importanti funzioni nell’organismo, come per esempio permettere lo scioglimento delle vitamine liposolubili.

Tuttavia, i grassi forniscono molte calorie, e se introdotti in eccesso possono determinare un aumento di peso.

Alimenti e oli contengono una miscela di acidi grassi, ma il tipo predominante di grasso che contengono è ciò che li rende buoni o cattivi.

Cosa sono i grassi cattivi?

Due tipi di grassi - grassi saturi e grassi trans (idrogenati)- sono potenzialmente dannosi per la salute. La maggior parte degli alimenti che contengono questi tipi di grassi sono solidi a temperatura ambiente, come burro, margarina, lardo.

La maggior parte dei grassi saturi e trans sono grassi animali e si trovano in carni e latticini ricchi di grassi (latte intero, burro, formaggio, panna, gelato), nei cibi fritti (patatine fritte, ciambelle), margarina, prodotti da forno (biscotti, torte, pasticcini).

Questi alimenti vanno quindi consumati con moderazione.

Mangiare troppi di questi cibi può aumentare i livelli di colesterolo nel sangue e i livelli di lipoproteine ​​a bassa densità, il cosiddetto colesterolo cattivo (LDL), che è stato messo in relazione con l’aumento del rischio di malattie cardiache.

L’assunzione con la dieta di grassi polinsaturi, al contrario, può ridurre il rischio di malattie cardiache.

Gli alimenti che li contengono sono gli oli vegetali, noci, mandorle, avocado. Nel pesce troviamo gli acidi grassi omega 3, con effetti favorevoli sull’organismo.

Pubblicato il: 07-07-2020
Di:
FONTE : Healthline.com

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.