Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Malattie della pelle: l'acne rosacea

La rosacea è una malattia infiammatoria cronica della pelle piuttosto frequente

3.5 di 5

Questa patologia, associata a una dilatazione dei vasi capillari superficiali, presenta diversi stadi.

Dapprima compare un arrossamento della pelle, che tende a peggiorare con rossore persistente e couperose, una dilatazione dei capillari.

Col procedere della malattia, si manifestano brufoli e pustole e infine gonfiore del naso.

Le guance, il naso, la fronte e il mento sono le zone più coinvolte, anche se a volte sono interessati anche gli occhi.

La malattia non è contagiosa e, anche se la guarigione è difficile, può essere efficacemente tenuta sotto controllo.

La rosacea colpisce soprattutto le donne di età compresa tra i 30 e i 60 anni e quelle in menopausa, con carnagione e capelli chiari o con una pelle particolarmente danneggiata dal sole.

La familiarità è un altro fattore di rischio.

La causa non è ben chiara, oltre ai motivi già elencati possono contribuire lo stress, l’uso prolungato sulla cute del viso di farmaci a base di cortisonici, anomalie nei vasi sanguigni del volto, la reazione della cute a un acaro della pelle frequentemente rinvenuto in persone che soffrono di rosacea, il Demodex follicolorum. Non si tratta di una infezione batterica, neppure nella forma in cui compaiono pustole e brufoli.

La diagnosi, di pertinenza dermatologica, avviene attraverso l’osservazione della pelle. È necessaria una diagnosi differenziata con altre patologie come la psoriasi, l’acne e la dermatite seborroica.

La terapia difficilmente può essere risolutiva, ma certamente aiuta a tenere sotto controllo i sintomi migliorando l’aspetto della pelle e, di conseguenza, la qualità di vita della persona. In questi casi è possibile interrompere temporaneamente la terapia in corso.

Per ridurre macchie, arrossamenti e altri segni visibili, il dermatologo può prescrivere l'uso di antibiotici orali a basso dosaggio come tetraciclina o metronidazolo, di antinfiammatori da applicare direttamente sulla pelle (metronidazolo, acido azelaico) e l'uso di sostanze emollienti.

L'uso di un fondotinta o di un correttore può aiutare a mascherare parzialmente il rossore della pelle del viso. 

Esistono inoltre altre tecniche per correggere eventuali danni estetici conseguenti alla rosacea, in particolare i vasi sanguigni visibili e la deformazione del naso, come la dermoabrasione, la terapia laser, la terapia della luce pulsata intensa, l’elettrochirurgia e la chirurgia plastica.

Pubblicato il: 29-06-2020
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.