Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute salute

Arriva il caldo, è tempo di pensare alle vene delle gambe

Si tratta di un problema molto diffuso, soprattutto tra le donne

3.57 di 5
Arriva il caldo, è tempo di pensare alle vene delle gambe iStock

I disturbi dell’insufficienza venosa possono essere presenti durante tutto l’anno, ma in estate le vene tendono maggiormente a dilatarsi a causa dell’aumento della temperatura.

Il problema è dovuto all’incapacità del sangue venoso di ritornare al cuore dopo essere arrivato agli arti inferiori, dove tende a ristagnare. 

Le cause possono essere diverse, giocano un ruolo la predisposizione famigliare, l’obesità, la sedentarietà, l’abitudine al fumo, un lavoro che costringe a stare molte ore in piedi, l’assunzione di farmaci a base di ormoni.

I sintomi comprendono gonfiore alle caviglie, senso di pesantezza alle gambe, formicolii, prurito, dolore e crampi, soprattutto notturni.

A volte le prime avvisaglie vengono trascurate, in quanto ritenute solo un problema estetico, e ci si rivolge al medico solo in presenza di dolore o di vene varicose particolarmente evidenti. Meglio sarebbe invece prendere le cose per tempo, sottoponendosi a una visita specialistica vascolare per valutare l’entità del problema. Se lo specialista lo riterrà opportuno, potrà consigliare un ecocolordoppler, un esame non invasivo che fornisce indicazioni in relazione al flusso del sangue nei vasi sanguigni, e/o una terapia farmacologica o con integratori a base di sostanze naturali che aiutano la circolazione. Può anche essere prescritto l’uso di calze contenitive, con diverso grado di compressione a seconda della gravità dei disturbi.

Qualcosa possiamo fare anche noi per la prevenzione:

tenere il peso sotto controllo

evitare di fumare

se possibile, non passare troppe ore in piedi fermi

indossare scarpe comode e riservare i tacchi alti solo a particolari occasioni

svolgere attività fisica

evitare la prolungata esposizione al sole e proteggere le gambe con creme solari ad alto grado di protezione.

Pubblicato il: 14-05-2020
Di:
FONTE : Centro cardiologico Monzino

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.