Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Coronavirus: terapia con idrossiclorochina e azitromicina

Tra i tanti tentativi che vengono fatti per debellare il Coronavirus, anche la somministrazione di idrossiclorochina e azitromicina

3.75 di 5
Coronavirus: terapia con idrossiclorochina e azitromicina iStock

L’azitromicina è un antibiotico appartenente alla classe dei macrolidi, quindi non ha alcun potere sui virus. Gli antibiotici vengono però spesso usati anche nelle malattie virali come copertura, per evitare sovrinfezioni batteriche e complicazioni.

L’idrossiclorochina è un antimalarico dotato anche di azione antireumatica, pertanto l’uso nella terapia dei pazienti Covid 19 è considerato off label (al di fuori delle indicazioni autorizzate) ed è consentito unicamente nell’ambito del piano nazionale di gestione dell’emergenza. 

In questa fase l’uso terapeutico dell’idrossiclorochina può essere considerato sia nei pazienti Covid 19 di minore gravità gestiti a domicilio sia nei pazienti ospedalizzati. 

Il medico dovrà valutare caso per caso il rapporto rischio/beneficio. 

L’associazione di questi due farmaci, tuttavia, è posta sotto attenzione a causa del fatto che entrambi, indipendentemente uno dall’altro, hanno dimostrato di aumentare il rischio di prolungamento dell’intervallo QT, causando problemi cardiaci anche gravi.

EMA (Agenzia Europea dei Medicinali) ha preso in considerazione recenti studi che hanno riportato gravi disturbi del ritmo cardiaco, in alcuni casi fatali, con clorochina o idrossiclorochina, in particolare se assunti a dosaggi alti o in associazione con l'antibiotico azitromicina. 

Per questo motivo raccomanda agli operatori sanitari di monitorare attentamente i pazienti con Covid 19 che ricevono clorochina o idrossiclorochina e di tenere conto dei problemi cardiaci preesistenti che possono rendere i pazienti più predisposti ad andare incontro a disturbi del ritmo cardiaco. 

Gli operatori sanitari devono considerare attentamente la possibilità di insorgenza di effetti indesiderati, in particolare con i dosaggi più elevati, e prestare particolare attenzione quando si associa il trattamento con altri medicinali, come l'azitromicina, che possono causare effetti indesiderati simili sul cuore.

Pubblicato il: 12-05-2020
Di:
FONTE : Agenzia Europea dei Medicinali

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.