Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

La sinusite, un disturbo comune

È dolorosa e può dare anche febbre: a cosa è dovuta?

3.5 di 5
La sinusite, un disturbo comune iStock

La sinusite è causata da un’infiammazione, acuta o cronica, della mucosa che riveste i seni paranasali, cavità scavate all’interno delle ossa del cranio e del volto (intorno al naso e agli occhi) che comunicano, tramite stretti canali, con la parte interna del naso. Normalmente, il muco prodotto dalla mucosa dei seni paranasali viene liberato nelle cavità nasali, ma quando si verifica un’infiammazione i canali si restringono e il muco si accumula nei seni paranasali.

La sinusite può essere causata da un raffreddore e di solito migliora nel giro di due o tre settimane, ma a volte il muco che ristagna può favorire lo sviluppo di una infezione batterica, che si sovrappone a quella virale. Anche forme allergiche possono portare a questi disturbi.

Chi è affetto da sinusite riferisce una sensazione di dolore e di pressione a livello nasale, della fronte e degli occhi, con secrezioni nasali giallo-verdastre. A volte possono comparire mal di testa, ostruzione nasale e febbre.

La durata dei sintomi può variare da qualche settimana a qualche mese.

L’automedicazione può aiutare a risolvere il problema: per alleviare il dolore e ridurre la febbre, se presenti, possono essere assunti farmaci da banco ad azione antidolorifica,  antinfiammatoria o antipiretica, come, per esempio, ibuprofene e paracetamolo.

L’applicazione di impacchi caldi sul viso può essere di aiuto per far diminuire il dolore e favorire il drenaggio del muco dai seni nasali.

Se il medico ritiene necessaria una terapia, di solito essa prevede l’uso di antibiotici o di corticosteroidi.

Se anche la terapia non si dimostrasse efficace, sarà il caso di ricorrere a una visita specialistica dall’otorinolaringoiatra, che valuterà la necessità di un intervento chirurgico.

Pubblicato il: 20-03-2020
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.