Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

I sintomi della Malattia di Alzheimer

È la più comune forma di demenza nella popolazione over 65

3.5 di 5
I sintomi della Malattia di Alzheimer iStock

L’inizio di questa malattia è di solito piuttosto subdolo: ci si dimentica di fatti o cose, fino ad arrivare al punto in cui non si riconoscono più nemmeno i propri cari e si ha bisogno di aiuto anche per le attività quotidiane più semplici.

Non si tratta di una semplice conseguenza dell’invecchiamento, ma di una vera e propria patologia neurodegenerativa, che distrugge lentamente le cellule del cervello.

La demenza di Alzheimer è la forma più comune di demenza senile, che colpisce la memoria e le funzioni cognitive, si ripercuote sulla capacità di parlare e di pensare ma può causare anche altri problemi fra cui stati di confusione, cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale.

La malattia prende il nome da Alois Alzheimer, neurologo tedesco che per la prima volta nel 1907 ne descrisse i sintomi e gli aspetti neuropatologici. 

Nei pazienti affetti da demenza di Alzheimer si osserva una perdita di cellule nervose nelle aree cerebrali essenziali per la memoria e per altre funzioni cognitive, oltre a un basso livello delle sostanze chimiche, come l'acetilcolina, che lavorano come neurotrasmettitori e sono quindi coinvolte nella comunicazione tra le cellule nervose.

Il decorso della malattia è lento e i disturbi cognitivi possono essere presenti anche anni prima che venga formulata una diagnosi di demenza di Alzheimer.

La malattia si manifesta inizialmente con lievi problemi di memoria, fino a concludersi con grossi danni ai tessuti cerebrali, ma la rapidità con cui i sintomi si aggravano varia da persona a persona. Nel corso della malattia i deficit cognitivi aumentano e il paziente mostra gravi perdite di memoria, pone più volte le stesse domande, arriva a perdersi in luoghi familiari e perfino a trascurare la propria sicurezza personale, l’igiene e la nutrizione.

Oggi purtroppo non esistono farmaci in grado di fermare e far regredire la malattia e tutti i trattamenti disponibili puntano a contenerne i sintomi. Per alcuni pazienti, in cui la malattia è in uno stadio lieve o moderato, farmaci come donepezilrivastigmina e galantamina possono aiutare a limitare l’aggravarsi dei sintomi. Altri farmaci, inoltre, possono aiutare a contenere i problemi di insonnia, di ansietà e di depressione.

Pubblicato il: 10-03-2020
Di:
FONTE : Epicentro - Istituto Superiore di Sanità

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.