Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Coronavirus in gravidanza e allattamento

In assenza di un vaccino, l'Istituto Superiore di Sanità fa alcune raccomandazioni alle donne in gravidanza e allattamento

3.5 di 5
Coronavirus in gravidanza e allattamento iStock

Il primo consiglio per le donne in gravidanza e per chi sta loro vicino è senz’altro quello di curare l’igiene delle mani e di evitare contatti con persone che presentano sintomi respiratori.

La trasmissione del virus SARS-CoV-2, spiega l’ISS, avviene attraverso il contatto diretto da persona a persona, mediante le goccioline del respiro che possono trasmettersi con la saliva, la tosse o gli starnuti delle persone infette e mediante le mani contaminate (non ancora lavate) portate alla bocca, naso od occhi. 

Non è noto se avvenga la trasmissione verticale, cioè dalla madre al feto, del SARS-CoV-2. 

Il virus non è stato rilevato nel liquido amniotico o nel sangue neonatale prelevato da cordone ombelicale, come si apprende dai primi 19 casi di donne in gravidanza con sintomatologia clinica e dei loro neonati. 

Attualmente non esistono pertanto evidenze a supporto di una trasmissione verticale del virus SARS-COV-2.

Allo stato attuale delle conoscenze, a meno che sussistano specifiche indicazioni cliniche materne o fetali, per le donne con sospetta infezione da SARS-CoV-2 o affette da COVID-19 non sembra opportuno ricorrere elettivamente al taglio cesareo, rimanendo valide le indicazioni correnti all’espletamento del parto per via vaginale o chirurgica.

Il virus responsabile della COVID-19 non è stato rilevato nel latte materno raccolto dopo la prima poppata (colostro) delle donne affette; in almeno un caso sono stati invece rilevati anticorpi anti SARS-CoV. 

Si ritiene quindi che, nel caso di donna con sospetta infezione o affetta da COVID-19, in condizioni cliniche che lo consentano e nel rispetto del suo desiderio, l’allattamento debba essere avviato direttamente al seno o con latte materno spremuto. 

Il Ministero della Salute, per ridurre il rischio di contagio al bambino, raccomanda l’utilizzo di mascherine durante la poppata.

Pubblicato il: 09-03-2020
Di:
FONTE : Epicentro Istituto Superiore di Sanità

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.