Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Un problema molto diffuso: la stipsi

Chi, per un motivo o per l'altro, non ha mai sperimentato la stitichezza?

3.91 di 5
 Un problema molto diffuso: la stipsi iStock

Siamo sempre di corsa: dobbiamo accompagnare il bambino a scuola, dobbiamo fare la spesa, andare a lavorare, poi andare a riprendere il bambino; insomma, non ci fermiamo mai. 

E se, mentre siamo in colonna sulla tangenziale o stiamo accompagnando la figlia a danza si fa vivo lo stimolo della defecazione? Ovviamente lo ignoriamo, e dai oggi, dai domani, si diventa stitici. 

Lo stress non è, tuttavia, l’unica causa di stitichezza: anche la sedentarietà può contribuire notevolmente. Infatti molti di noi passano la maggior parte della giornata seduti: in ufficio, sui mezzi o a casa. In questo modo, tuttavia, i muscoli addominali e il diaframma si indeboliscono e non partecipano in modo ottimale alla defecazione, contraendosi e determinando il cosiddetto torchio addominale, che facilita l’evacuazione. 

Questo è il motivo per cui le persone costrette all’immobilità, a letto o su una sedia a rotelle, soffrono spesso di stitichezza. 

Ricordiamo che anche alcuni farmaci danno come effetto collaterale proprio la stipsi, così come una dieta povera di fibre e di liquidi, oppure la gravidanza

Chi soffre di stitichezza è spesso portato al fai da te, acquistando i lassativi più pubblicizzati e utilizzandoli più o meno frequentemente. 

In realtà, tralasciando le stipsi di insorgenza improvvisa o accompagnate da altri disturbi, che richiedono un parere medico, spesso il suggerimento del farmacista può aiutare a capire se si sta seguendo uno stile di vita poco adatto al benessere dell’organismo, modificando il quale si può correggere il problema senza ricorrere a troppi medicinali! Certo, in alcuni casi l’assunzione di farmaci è inevitabile, ma deve essere un’eccezione e non la norma. L’alimentazione riveste notevole importanza per la prevenzione della stipsi: verdura e frutta fresca, cereali integrali e alimenti ricchi di fermenti, come lo yogurt. Aumentare la quantità di liquidi, non gasati, fino ad almeno due litri al giorno, assunti soprattutto lontano dai pasti. 

Una lunga passeggiata è molto utile per tutti, ma in particolare per le donne in gravidanza, per tenere sotto controllo, oltre alla stipsi, il gonfiore alle gambe e le vene varicose. 

Tra i rimedi ricordiamo le mucillagini che aumentano il volume delle feci e le rendono più morbide, senza irritare l’intestino, o una tisana, per esempio a base di altea, sola o associata alla radice di liquirizia, dall’azione antispasmodica, può essere utile per le stipsi spastiche. Con le foglie di frassino si ottiene un infuso delicatamente lassativo; se si soffre di aerofagia risultano utili il finocchio, il cumino e l’anice verde. Molto usati per la loro efficacia sono i lassativi antrachinonici: aloe, rabarbaro, cassia (o senna), cascara e frangula. 

Pubblicato il: 04-02-2020
Di:
FONTE : Elisa Brambilla

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.