Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Integratori per il benessere della prostata

Capita di alzarsi spesso di notte per andare in bagno? Potrebbe essere un problema alla prostata

3.5 di 5
Integratori per il benessere della prostata iStock

L’iperplasia prostatica benigna (IPB) dà una serie di fastidiosi disturbi, come appunto minzioni notturne ripetutebruciore durante l’emissione di urinascarsa potenza del getto: in questi casi mai sottovalutare o ricorrere al fai da te, rischiando soltanto di aggravare il problema.

L’IPB, che coincide con un aumento del volume della ghiandola prostatica,  è molto frequente negli uomini al di sopra dei 50 anni e può essere causata da diversi fattori, come infezioni batteriche o virali, alterazioni ormonali o metaboliche, problemi di origine autoimmune o, più semplicemente, dal fisiologico processo di invecchiamento.

Tra i farmaci, i più prescritti dagli urologi sono finasteride e dutasteride, inibitori della testosterone-5-alfa-reduttasi.

Impotenza e diminuzione della libido sono le reazioni avverse più frequenti. 

Negli ultimi tempi è sempre più diffuso l’utilizzo di integratori, la maggior parte dei quali contiene sostanze derivate dalla palma nana americana, più conosciuta come Serenoa repens

Altri principi attivi naturali presenti in prodotti naturali usati per il benessere della prostata sono quercetina, licopene, the verde, insieme all’immancabile Serenoa.

In passato la Serenoa repens veniva utilizzata dagli indiani della Florida, uno degli Stati in cui cresceva e cresce questa pianta, per curare diversi disturbi urologici. 

Queste sostanze non si trovano però solo negli integratori, ma anche in alcuni medicinali, vanno quindi considerati farmaci a tutti gli effetti, e come tali devono essere prescritti dal medico. L'assunzione di Serenoa repens può anche causare interazioni farmacologiche in caso di contemporanee terapie a base di ormoni.

Non sottovalutare mai i disturbi, rivolgersi sempre all’urologo.

Pubblicato il: 04-02-2020
Di:
FONTE : Istituto Superiore di Sanità

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.