Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Rimedi naturali contro l'insonnia

Le cause dell'insonnia possono essere tante, ma la natura ci viene ancora una volta in aiuto

3.5 di 5
Rimedi naturali contro l'insonnia iStock

Il sonno, un po’ come la salute, è qualcosa che si dà per scontato. Finché c’è. In realtà, per moltissime persone una notte di sonno è un miraggio, per diversi motivi.

I pensieri e le preoccupazioni, lo stress psico-fisico, la depressione, il troppo lavoro, o cattive abitudini, come mangiare pesante la sera o andare a letto in orari sempre diversi. Tutte situazioni che possono alterare il ritmo del sonno, facendo si che ci si alzi la mattina stanchi come e più di quando si è andati a letto, e che influiscono negativamente sull’umore e sul corso della giornata. All’insonnia cronica si possono associare diverse patologie, tra cui ansia, depressione, cefalea.

Se alla base dell’insonnia non c’è una vera e propria patologia, un cambiamento nello stile di vita può essere di aiuto: evitare cene abbondanti,  lasciar passare almeno un paio d’ore tra la cena e il momento in cui si va a dormire, coricarsi più o meno alla stessa ora, evitare bevande come il caffè già dal pomeriggio. Se invece alla base dell’insonnia ci fossero depressione o ansia, un aiuto psicologico potrebbe rivelarsi fondamentale.

Se non ci sono patologie, farmaci o integratori che favoriscono il sonno possono venire in aiuto.

L’uso dei sonniferi, in particolare benzodiazepine, in Italia è molto diffuso. Esistono però anche diversi prodotti a base di sostanze naturali, sotto forma di compresse, gocce o tisane.

Queste erbe costituiscono una valida alternativa ai farmaci:

valeriana: molto utilizzata per le sue proprietà calmanti, è in grado di ridurre il tempo di addormentamento e di migliorare la qualità del sonno;

tiglio: possiede proprietà rilassanti e ansiolitiche ed è efficace anche in caso di tosse e catarro;

escolzia: altra pianta che diminuisce il tempo richiesto per addormentarsi e aiuta a evitare risvegli improvvisi;

passiflora: pianta dai bellissimi fiori, per la sua azione calmante, è uno dei rimedi fitoterapici più utilizzati per i disturbi dell'umore, esercita un’azione sedativa senza effetto depressivo sul sistema nervoso;

camomilla: possiede proprietà digestive e carminative per stomaco e intestino, calmanti sul sistema nervoso, oltre che lenitive, antinfiammatorie e antibatteriche a livello cutaneo. 

Spesso negli integratori queste piante si trovano in associazione, così da ottenere un effetto sinergico.

Discorso a parte merita la melatonina, ormone prodotto dalla ghiandola pineale del cervello, che controlla il ciclo del sonno. Alcuni studi indicano che l’assunzione di integratori a base di melatonina per brevi periodi di tempo può aiutare a ridurre il tempo necessario per addormentarsi e aumentare il numero di ore in cui si riesce a dormire, rafforzando così la vigilanza diurna.

Pubblicato il: 28-01-2020
Di:
FONTE : Humanitas

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.