Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute

Disturbo depressivo maggiore, Europa: ok a spray nasale

La Commissione europea ha approvato uno spray nasale che ha come indicazione il trattamento della depressione resistente

3.5 di 5
Disturbo depressivo maggiore, Europa: ok a spray nasale iStock

Si tratta di esketamina spray nasalein associazione a un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) o un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI), indicato per gli adulti che soffrono di disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento (TRD). 

I pazienti vengono considerati affetti da TRD se non hanno risposto ad almeno due diversi trattamenti antidepressivi nel corso dell’ultimo episodio depressivo da moderato a grave. 

Sarà sviluppato da Janssen e si chiamerà Spravato.
Esketamina è un antagonista del recettore per il glutammato N-metil-D-aspartato (NMDA) e quindi funziona in maniera diversa dalle altre terapie attualmente disponibili per il disturbo depressivo maggiore. Si ritiene che aiuti a ripristinare le connessioni sinaptiche tra le cellule cerebrali dei pazienti con TRD, rendendo possibile un aumento dell’attività e della comunicazione tra regioni specifiche del cervello. In base ai risultati degli studi clinici, si pensa che questo incremento di attività e comunicazione aiuti a migliorare i sintomi della depressione.

Il disturbo depressivo maggiore (MDD) colpisce circa 40 milioni di persone in Europa ed è la principale causa di invalidità al mondo.

La terapia per questo disturbo mira ad alleviare i sintomi della malattia e ottenere infine la remissione, eliminando totalmente o almeno in larga parte i sintomi depressivi. Purtroppo, un terzo circa dei pazienti con MDD non risponde alle terapie attualmente disponibili.

Negli studi finora effettuati, esketamina spray nasale ha dimostrato un profilo rischio-beneficio favorevole. Gli eventi indesiderati osservati più frequentemente nei pazienti con TRD trattati con esketamina sono stati: capogiri, nausea, dissociazione, cefalea, sonnolenza, vertigini, disgeusia (alterazione del senso del gusto), ipoestesia e vomito. Questi effetti collaterali erano in genere da lievi a moderati e avevano natura transitoria (si risolvevano generalmente entro due ore).

La prosecuzione della terapia con esketamina spray nasale e un antidepressivo orale ha ridotto il rischio di ricaduta del 70% nei pazienti con risposta stabile e del 51% nei pazienti in remissione stabile, rispetto alla prosecuzione del trattamento con il solo antidepressivo orale.

Pubblicato il: 24-12-2019
Di:
FONTE : Pharmastar

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.