Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Il suo nome è larotrectinib

Un nuovo farmaco efficace su 29 tipi di tumori

Larotrectinib è stato definito un farmaco 'jolly': non agisce, infatti, sull'organo dove il cancro ha avuto origine bensì sull'alterazione genica Ntrk che può essere comune alle cellule cancerose di molte neoplasie

3.5 di 5
Un nuovo farmaco efficace su 29 tipi di tumori iStock

Si chiama larotrectinib ed è una molecola sulla base della quale è stato realizzato un farmaco in grado di colpire ben 29 diversi tipi di tumore, sia in in pazienti adulti sia in bambini. Il suo meccanismo di azione è particolare: larotrectinib non agisce, infatti, sull'organo dove il cancro ha avuto origine bensì sull'alterazione genica Ntrk che può essere comune alle cellule cancerose di molte neoplasie (al momento ne sono state individuate 29, ma potrebbero essere molte di più).

Il fermento nella comunità scientifica è alto: gli ultimi risultati sull'efficacia della molecola - presentati al recente Congresso europeo di oncologia Esmo - evidenziano infatti una riduzione del 30% della massa tumorale nel 79% dei pazienti valutati (su un campione di 153) e nel 75% di quelli con metastasi cerebrali; inoltre  la sopravvivenza media è risultata superiore ai 3 anni.

Larotrectinib agisce sui tumori solidi in stadio avanzato o metastatico, nei pazienti adulti e pediatrici per i quali l'intervento chirurgico sarebbe troppo rischioso e che presentano inoltre una particolare alterazione definita ‘fusione genica di Ntrk’: un'alterazione rara, ma che in Italia interessa circa 4 mila pazienti ogni anno.

Il nuovo farmaco, orale e con pochi effetti collaterali, tra i diversi tumori è risultato particolarmente efficace in quelli al polmone, tiroide, melanoma, colon, sarcoma, tumori gastrointestinali, delle ghiandole salivari e nel fibrosarcoma infantile. Ha dimostrato efficacia anche nei tumori primitivi del sistema nervoso centrale e nei pazienti con metastasi cerebrali.

Definito tecnicamente 'agnostico', perché non ha come bersaglio un organo particolare, agendo indipendentemente dalla localizzazione del tumore, è il primo farmaco del suo genere ad aver ottenuto, pochi giorni fa, il via libera della Commissione Ue per la commercializzazione in Europa.

Pubblicato il: 02-10-2019
Di:
FONTE : Congresso europeo di oncologia Esmo

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.