Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Trattamenti antitumorali e caduta dei capelli

Ecco come prevenire i danni al follicolo da chemioterapia

Un team di ricercatori ha scoperto come prevenire i danni al follicolo pilifero causati dai taxani, farmaci antitumorali che possono causare la caduta permanente dei capelli

3.5 di 5
Ecco come prevenire i danni al follicolo da chemioterapia iStock

I trattamenti antitumorali, quali la chemioterapia e la radioterapia, possono avere come effetto collaterale la caduta dei capelli. La chemioterapia consiste nell’impiego di farmaci anticancro che aggrediscono le cellule tumorali inibendone, in tal modo, la crescita; purtroppo la loro azione può coinvolgere anche le cellule sane dell’organismo, compresi i follicoli dei peli e dei capelli, ed questa la causa della caduta di questi ultimi. La caduta dei capelli durante il trattamento radioterapico si ha solo nel caso in cui una parte o tutto il cuoio capelluto sia compreso nel campo di trattamento, la ricrescita in tali zone dipende dalla dose che i bulbi piliferi hanno ricevuto.

Una buona notizia per chi sta affrontando le cure anti-cancro e teme il possibile effetto collaterale della caduta dei capelli giunge da uno studio di un team di scienziati dell'Università di Manchester, i quali hanno individuato una nuova strategia per proteggere i follicoli piliferi. La scoperta, descritta su Embo Molecular Medicine, potrebbe portare a nuovi trattamenti per prevenire la caduta dei capelli indotta dalla chemioterapia: in particolare, lo studio del laboratorio di Ralf Paus del Center for Dermatology Research descrive come prevenire i danni al follicolo pilifero causati dai taxani, farmaci antitumorali che possono causare la caduta permanente dei capelli. 

Per riuscire nella loro impresa, gli scienziati hanno sfruttato le proprietà di una nuova classe di farmaci chiamati CDK4/6 inibitori, che bloccano la divisione cellulare. I ricercatori hanno scoperto che questi inibitori possono essere usati temporaneamente per arrestare la divisione cellulare, senza promuovere ulteriori effetti tossici nel follicolo pilifero. Quando veniva effettuato un bagno in coltura di follicoli piliferi del cuoio capelluto umano in questi inibitori, i follicoli risultavano molto meno sensibili agli effetti dannosi dei taxani. Il team spera che il lavoro possa aprire la strada allo sviluppo di medicinali per uso esterno, in grado di mitigare il danno indotto dalla chemioterapia.

Pubblicato il: 18-09-2019
Di:
FONTE : Embo Molecular Medicine

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.