Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Problema legato soprattutto all'uso improprio di antibiotici

Resistenza ai farmaci: un fenomeno sempre più preoccupante

Secondo l'Agenzia ONU sarebbero circa 700 mila le morti ogni anno dovute a farmaco-resistenza: entro il 2030 potrebbero crescere fino a 10 milioni di decessi, mentre entro il 2050 tale problema potrebbe risultare più letale del cancro

3.5 di 5
Resistenza ai farmaci: un fenomeno sempre più preoccupante iStock

Un fenomeno in ascesa e sempre più preoccupante: le Nazioni Unite lanciano l'allarme della resistenza ai farmaci. Alcune patologie che si credevano oramai risolte, infatti, stanno tornando prepotentemente ad essere un problema sanitario proprio perché i medicinali che fino a poco tempo fa curavano la malattia ora, in buona sostanza, non funzionano più. Secondo le stime degli esperti dell'Agenzia ONU, infatti, ogni anno sarebbero 700.000 le morti attribuibili a questo fenomeno: di queste, 230.000 sono legate a tubercolosi, condizione che si riteneva oramai praticamente risolta nel mondo occidentale negli anni '50. Le stime sono anche più allarmanti: se non si prenderanno tempestivamente misure adeguate per contrastare questo trend, entro il 2030 i decessi potrebbero crescere fino ad arrivare a ben 10 milioni.

Inizialmente, la resistenza ai farmaci era un fenomeno riscontrabile soprattutto per quanto riguarda gli antibiotici, a causa dell'uso improprio di questi medicinali. Ma cosa si intende per utilizzo inappropriato? Certamente l'abuso, o l'auto-prescrizione: d'altronde, se la prima regola per quel che riguarda gli antibiotici è cercare di non assumerne, la seconda regola è da sempre quella di cercare di non assumerne troppi. Al contrario, la tendenza è quella di utilizzare antibiotici anche per disturbi su cui non hanno alcun effetto, come per esempio il raffreddore, o per infezioni che possono risolversi comunque senza trattamento. Questi comportamenti hanno portato i batteri a sviluppare delle controffensive che rendono appunto inefficaci i farmaci: è così che ad esempio lo Staphylococcus Aureus, responsabile di varie infezioni nosocomiali, ha potuto sviluppare resistenza alla meticillina. 

Tuttavia cominciano a manifestarsi resistenze anche ad altre tipologie di farmaci, come funghicidi, antivirali, antiparassitari e antimicrobici. Una situazione che ha portato appunto l'Agenzia ONU ha lanciare l'allarme: se non interverremo, si legge nel loro rapporto, nel 2050 questo fenomeno potrebbe uccidere più del cancro. 

Pubblicato il: 09-05-2019
Di:
FONTE : ONU

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.