Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Permettono realmente di perdere peso?

Dolcificanti: nessuna evidenza sulla loro utilità

Secondo un recente studio non vi sono prove che saccarina, aspartame e fruttosio abbiano un qualche effetto sulla perdita di peso o sulla salute in generale

3 di 5
Dolcificanti: nessuna evidenza sulla loro utilità iStock

Saccarina, aspartame e fruttosio sono i principali dolcificanti aggiunti spesso al posto dello zucchero per dolcificare gli alimenti, nel tentativo di risparmiare qualche caloria. Il punto è che secondo una recente analisi, svolta dalla Cochrane Foundation e pubblicata sul British Medical Journal, non ci sono prove che tali dolcificanti abbiano un qualche effetto sulla perdita di peso o sulla salute in generale.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno analizzato 56 studi condotti in Europa, su adulti e bambini sani, per misurare eventuali benefici su peso, glicemia, salute orale, tumori e altre patologie, ma anche umore e comportamenti alimentari. Ebbene, a quanto pare è emerso che, per la maggior parte degli esiti, non ci sono differenze rilevanti dal punto di vista statistico o clinico tra chi è esposto ai dolcificanti e chi no. Nello specifico, negli adulti che usano dolcificanti al posto dello zucchero ci sono scarse evidenze di un piccolo beneficio a livello di indice di massa corporea e di glicemia a digiuno. Per tutte le altre voci - inclusi tumori, pressione sanguigna, comportamento alimentare - non sono state rilevate differenze tra chi consuma dolcificanti (in dosi diverse) e chi non ne fa uso. Soprattutto, il consumo di edulcoranti si è rivelato del tutto inutile in soggetti obesi (adulti e bambini) intenzionati a perdere peso.

Va sottolineato, tuttavia, come alcuni degli studi analizzati siano di validità parziale, vuoi per il piccolo numero di partecipanti o la durata breve dell’indagine, vuoi per i criteri metodologici o di analisi, vuoi per la carenza di dati e dettagli utili sulla procedura seguita. Per questo l’auspicio è che possano essere svolte ulteriori indagini sull’argomento, anche su eventuali danni alla salute che potrebbero essere causati dal consumo di edulcoranti, danni che al momento non è possibile escludere; ma soprattutto per verificare eventuali effetti a lungo termine dei dolcificanti su questioni come sovrappeso, obesità, incidenza di diabete, malattie cardiovascolari, malattie renali. Non solo su soggetti in condizioni normali, ma anche su categorie specifiche di persone, come malati cronici e donne incinte.

Pubblicato il: 08-01-2019
Di:
FONTE : Cochrane Foundation

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.