Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Per consolidare i ricordi meglio respirare col naso

Respirare dal naso migliora la nostra memoria

Secondo una ricerca svedese respirare dal naso anziché dalla bocca migliora la memoria, in quanto favorisce il consolidamento dei ricordi

3.5 di 5
Respirare dal naso migliora la nostra memoria iStock

Respirare dal naso oppure dalla bocca non è indifferente soltanto per un fatto di ossigenazione, ma anche sul piano della memoria: a cambiare è, infatti, il grado di consolidamento dei nostri ricordi; ciò è quanto emerso da uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Neuroscience e condotto da un team di ricercatori dello svedese Karolinska Institutet.

Già in passato era stato effettuato uno studio simile: scienziati della Northwestern University avevano indagato il legame tra velocità della respirazione e emozioni, scoprendo che il ritmo del respiro modifica l'attività elettrica di alcune aree del cervello, come l'amigdala e l'ippocampo, influenzando memoria e paura. Per effettuare questo nuovo studio, i ricercatori svedesi hanno reclutato alcuni volontari e hanno chiesto loro di apprendere dodici diversi odori e, successivamente, di respirare attraverso il naso o la bocca per un'ora. Al termine di questa prima fase, sono stati presentati loro sia il vecchio sia un nuovo set di altri dodici odori, chiedendo di riconoscere quali fossero quelli già presenti nella sessione precedente.

Ebbene, i risultati hanno mostrato che quando i partecipanti respiravano attraverso il naso, tra il momento dell'apprendimento e quello del riconoscimento, ricordavano meglio gli odori. Nelle fasi di inspirazione ed espirazione, infatti, vengono attivate diverse parti del cervello, anche se non è ancora chiaro come ciò influenzi l'attività cerebrale; il prossimo passo sarà dunque quello di misurare ciò che accade realmente nel cervello, per scoprire come questo sia collegato alla memoria.

Pubblicato il: 26-10-2018
Di:
FONTE : Journal of Neuroscience

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.