Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Possibili nuove tecniche di medicina rigenerativa

Riparare i vasi sanguigni grazie alle cellule staminali

Scoperto un nuovo tipo di staminali che sarebbero in grado di favorire la formazione dei vasi sanguigni

3.5 di 5
Riparare i vasi sanguigni grazie alle cellule staminali iStock

Un team di ricercatori dello University College di Londra ha recentemente scoperto un nuovo tipo di cellule staminali che, stando a quanto dichiarato nello studio pubblicato su Nature, sarebbero in grado di favorire la formazione dei vasi sanguigni; quantomeno nell'embrione di topo dove, per il momento, sono state individuate. Se la presenza di queste cellule dovesse venire confermata anche nell'uomo, la scoperta potrebbe aprire la strada a nuove tecniche di medicina rigenerativa per il trattamento di malattie cardiovascolari in cui i vasi risultano danneggiati, come ad esempio: malattie coronariche, arteriopatie periferiche o malattie dell'occhio che portano a cecità.

Primo autore della ricerca è il biologo Alessandro Fantin, che dopo 11 anni presso l'ateneo londinese è rientrato in Italia per continuare le sue ricerche all'Università Statale di Milano. La sua scoperta modifica la conoscenza della formazione dei vasi sanguigni: finora, infatti, si pensava che nell'embrione essi si formassero grazie alla proliferazione delle cellule già presenti nei vasi; il nuovo studio dimostra invece che cellule staminali circolanti nel sangue possono trasformarsi in cellule del rivestimento interno dei vasi sanguigni, ovvero cellule endoteliali.

La scoperta è avvenuta grazie all'impiego di marcatori fluorescenti per seguire le cellule staminali chiamate progenitori eritro-mieloidi (Emp), già note per essere all'origine dei globuli rossi del sangue e di alcuni globuli bianchi del sistema immunitario. Le staminali Emp, coltivate in vitro, hanno dato origine non solo a globuli rossi e bianchi, come atteso, ma anche a cellule endoteliali. Le stesse staminali hanno dato luogo a cellule endoteliali anche negli embrioni di topo, continuando a far parte del rivestimento interno dei vasi sanguigni finanche in età adulta.

Il prossimo passo sarà trovare queste cellule nell'uomo e capire se le cellule endoteliali che derivano dalle cellule staminali Emp hanno una funzione unica e, specialmente, come possano essere usate per la medicina rigenerativa.

Pubblicato il: 08-10-2018
Di:
FONTE : Nature

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.