Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute I rischi derivanti dall'impiego degli antiinfiammatori

L'uso del Voltaren mette a rischio il cuore?

Uno studio mette a confronto il rischio cardiovascolare di pazienti che utilizzavano farmaci a base di diclofenac, come il Voltaren, con quello di chi non era in cura o usava farmaci antiinfiammatori di uso comune

3.5 di 5
L'uso del Voltaren mette a rischio il cuore? iStock

Un recente studio, pubblicato sul British Medical Journal ed effettuato da un gruppo di ricerca internazionale (formato da scienziati del Dipartimento di Epidemiologia clinica presso l'Ospedale universitario di Aarhus, dell'Ospedale regionale dello Jutland occidentale e della prestigiosa Università di Stanford), ha messo a confronto il rischio cardiovascolare di pazienti che utilizzavano farmaci a base di diclofenac, come il Voltaren, con quello di chi non era in cura o usava farmaci antiinfiammatori di uso comune. Per fare ciò, i ricercatori hanno condotto un'approfondita analisi statistica sui dati di milioni di cittadini danesi, recuperati dai registri nazionali e relativi agli anni compresi tra il 1996 e il 2016. Tra i cittadini coinvolti vi erano 1.370.832 utilizzatori di diclofenac; 3.878.454 di ibuprofene; 291 490 di naprossene; 764.781 di paracetamolo e oltre un milione di soggetti che non usavano antiinfiammatori. Nessuno dei partecipanti allo studio doveva presentare patologie cardiovascolari, renali e ulcerose, oltre che schizofrenia, demenza e altre malattie.
Ebbene, incrociando tutti i dati è emerso che il tasso di eventi cardiovascolari avversi - come aritmie, arresto cardiaco, infarto e ictus - risultava superiore del 50% nei pazienti che usavano farmaci a base di diclofenac rispetto a chi non era in cura, ma anche del 20% in più rispetto agli utilizzatori di ibuprofene e del del 30% in più rispetto a coloro che utilizzavano il naprossene. Va precisato comunque che si è trattato di un semplice studio di osservazione, dunque non in grado di determinare rapporti di causa-effetto. Per questa ragione andranno condotte ulteriori indagini per sapere davvero quanto i farmaci a base di diclofenac possano realmente rappresentare un rischio per il nostro cuore. Alla luce dei risultati ottenuti, tuttavia, i ricercatori suggeriscono di prendere in considerazione altri FANS (farmaci antiinfiammatori non steroidei) prima del diclofenac, benché sia sempre doveroso discutere di queste scelte col proprio medico curante.

Pubblicato il: 02-10-2018
Di:
FONTE : British Medical Journal

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.