Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Presenti in vegetali e pesce

Omega 3: sono davvero utili per il cuore?

Secondo una recente ricerca, gli Omega 3 - da sempre ritenuti protettivi contro le malattie cardiovascolari - non avrebbero una reale efficacia benefica su cuore e vasi sanguigni

3.5 di 5
Omega 3: sono davvero utili per il cuore? iStock

Contrordine: stando a quanto emerso da una recente ricerca, pubblicata su Cochrane Library, i tanto decantati Omega 3 - sostanze presenti in vegetali e pesce, il cui consumo è da sempre ritenuto protettivo contro le malattie cardiovascolari - non avrebbero una reale efficacia benefica su cuore e vasi sanguigni.

Per giungere a questa conclusione, il primo autore della ricerca, la dottoressa Lee Hooper dell'Università inglese di East Anglia, ha analizzato 79 sperimentazioni randomizzate che hanno coinvolto 112mila persone. Negli studi presi in esame i ricercatori hanno somministrato ai pazienti supplementi di Omega 3 in capsula, nelle margarine o in cibi arricchiti, o semplicemente incrementando il consumo di pesce, mentre i gruppi di controllo assumevano pillole placebo o alimenti non arricchiti.

Si è scoperto così che i benefici di un aumentato consumo di Omega 3 sono ridotti, se mai ci sono, su molte delle patologie prese in questione. E di sicuro questi acidi grassi non hanno effetto sul rischio di morte per tutte le cause: 8,8% nel gruppo che ha assunto più Omega 3, contro il 9% del gruppo di controllo (quello dei soggetto che non hanno assunto la sostanza).

Si è trattato di una vasta revisione sistematica, che ha incluso informazioni su diverse migliaia di persone, per lunghi periodi. Nonostante tutto, non sono emersi effetti protettivi legati a un aumento del consumo di Omega 3. L'analisi ha però rilevato una moderata evidenza di benefici legati a un particolare acido grasso, detto Ala (acido alfalinoleico), presente ad esempio nelle noci, che può essere leggermente protettivo contro alcune cardiopatie, come l'aritmia. L'acido alfalinoleico è un acido grasso essenziale, parte importante di una dieta bilanciata, e – secondo i ricercatori - aumentarne il consumo può effettivamente essere leggermente utile per la prevenzione o il trattamento delle malattie cardiovascolari.

Pubblicato il: 26-07-2018
Di:
FONTE : Cochrane Library

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.