Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute I meriti dell'ossigenoterapia

Prevenire la demenza con l'ossigenoterapia

Secondo uno studio canadese, per i soggetti con problemi respiratori inalare più ossigeno potrebbe migliorare le funzioni dei vasi sanguigni e, forse, prevenire patologie degenerative come la demenza

4 di 5
Prevenire la demenza con l'ossigenoterapia iStock

Secondo quanto emerso da uno studio canadese, pubblicato su Experimental Physiology, per i soggetti con problemi respiratori inalare più ossigeno potrebbe migliorare le funzioni dei vasi sanguigni. Una scoperta che potrebbe aiutare le indagini scientifiche su come prevenire lo sviluppo di patologie degenerative quali la demenza. Dalla ricerca, condotta da Ryan Hoiland, è emerso infatti che le persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) - ossia quel gruppo di complicazioni polmonari che causano problemi respiratori - hanno un rischio maggiore di contrarre demenza senile; secondo i ricercatori ciò accade perché il cervello riceve livelli inferiori di ossigeno.

Obiettivo della ricerca è stato quello di stabilire quale fosse l'effetto di una maggiore fornitura di ossigeno al flusso sanguigno verso il cervello in pazienti affetti da BPCO. L'ossigeno è stato fornito, per via nasale, per 20-30 minuti. Usando un sistema a ultrasuoni è stato poi misurato il flusso sanguigno nel cervello, in momenti diversi: quando i pazienti erano a riposo, prima e durante la trasmissione. I partecipanti hanno iniziato questo esperimento a occhi chiusi, che hanno poi aperto per leggere un testo standardizzato. L'elaborazione dei dati ha permesso ai ricercatori di stimare quanto ossigeno era stato erogato al cervello durante il test.

Ebbene, sia il flusso sanguigno che l'ossigeno trasportato al cervello risultavano significativamente aumentati durante la lettura. Ciò è dovuto al fatto che i vasi sanguigni nel cervello si dilatavano in risposta alla maggiore richiesta di ossigeno quando il cervello era attivo. I ricercatori hanno pertanto concluso che quando i pazienti affetti da BPCO ricevono più ossigeno la funzione dei vasi sanguigni nel loro cervello migliora.

Pubblicato il: 17-07-2018
Di:
FONTE : Experimental Physiology

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.