Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute I rischi per la salute derivanti dal troppo lavoro

Le donne che lavorano troppo rischiano il diabete

Le lavoratrici che lavorano oltre le 45 ore a settimana vanno incontro a una maggiorazione del 63% del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

4 di 5
Le donne che lavorano troppo rischiano il diabete iStock

Secondo un recente studio, dell'Institute for Clinical Evaluative Sciences dell'Università di Toronto, le donne - e solo loro, il discorso non vale per gli uomini - che lavorano troppo rischiano di sviluppare il diabete di tipo 2. Per giungere a questa conclusione, pubblicata su BMJ Open Diabetes Research & Care, i ricercatori canadesi hanno preso in esame oltre 7mila lavoratori dell'Ontario di età compresa tra i 34 e i 74 anni, per dodici anni, a partire dal 2003. I volontari sono stati divisi in quattro gruppi, in base alla quantità di ore di lavoro settimanale: 15/34 ore, 35/40 ore, 41/44 ore e oltre le 45 ore di lavoro settimanale. Nessuno di loro era malato di diabete prima dello studio, nonostante ciò, durante il periodo di osservazione, una persona su dieci ha sviluppato la patologia. Sono stati considerati anche altre possibili variabili, quali ad esempio: figli, etnia, luogo di residenza, stile di vita, peso e condizioni di salute in generale. Infine sono stati analizzati anche il ruolo del turno di lavoro e se il lavoro era di tipo sedentario o dinamico.

Ebbene, mentre non è stata trovata nessuna correlazione tra le ore a settimana in cui lavoravano gli uomini e lo sviluppo del diabete di tipo 2, diversa si è presentata la situazione per le donne: le partecipanti femminili che lavoravano più di 45 ore a settimana hanno evidenziato un rischio aumentato del 63% di sviluppare il diabete, a differenza delle colleghe che lavoravano dalle 35 alle 40 ore a settimana.

Ma perché solo le donne? Considerando sia il lavoro retribuito che quello non retribuito, sembra che le impiegate affrontino vincoli temporali più rigidi rispetto ai colleghi maschili. Inoltre gli uomini che lavorano per più ore solitamente occupano posizioni meglio pagate e di alto livello. Anche se non v’è certezza sulle cause, il lavoro a lungo orario potrebbe portare al diabete a causa di un meccanismo di risposta allo stress cronico che comporta un'accelerazione dell'attività ipotalamica-pituitaria-surrenale; ciò aumenta i livelli di cortisolo e il rischio di anomalie endocrine, insulina-resistenza, intolleranza al glucosio e obesità.

Pubblicato il: 16-07-2018
Di:
FONTE : BMJ Open Diabetes Research & Care

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.