Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Importanza del recupero psico fisico nel paziente oncologico

Per affrontare la patologia tumorale è indispensabile supportare anche la psiche del paziente: ecco perché la banca della parrucca è un'iniziativa che va in questo senso

4 di 5
Importanza del recupero psico fisico nel paziente oncologico iStock

Chi si ammala di tumore sa bene che per fronteggiare la patologia non basta sottoporsi ai trattamenti farmacologici, alle operazioni, alla radio e alla chemioterapia; è necessario dare sostegno allo spirito, trovare il modo di darsi coraggio e accettarsi nonostante i cambiamenti fisici che spesso un tumore comporta.

Questo aspetto diventa ancora più importante quando la patologia colpisce una donna: proprio su questo aspetto si è focalizzato l’evento di raccolta fondi Non una di meno.

L’evento  svoltosi il 19 giugno presso il complesso monumentale del Pio Sodalizio dei Piceni a Roma si è focalizzato sull’ identità femminile per ricordare che la bellezza non è solo estetica, ma è uno stato d’animo che accompagna la donna in tutto il percorso di vita.

Non una di meno è un’iniziativa promossa dall’Università Campus Bio-Medico di Roma e dall'Associazione Amici dell'Università Campus Bio-Medico di Roma Onlus.

Parlare di bellezza è importante nonostante la malattia, ecco perché la serata ha previsto momenti dedicati al trucco con sedute dimostrative perché anche il make up è un valido alleato per donare colore anche all’incarnato più spento e provato dalla malattia.

C’è stata la  sfilata di alta moda realizzata dalla maison Luigi Borbone perché anche l’abito giusto può aiutare a dare un po’ di serenità, ma si è parlato anche di trattamenti estetici specializzati, di foulard e parrucche.

è bene notare come proprio per formare truccatori specializzati nel valorizzare la bellezza delle pazienti oncologiche è attivo all'Università Campus Bio-Medico di Roma il corso di alta formazione in Beauty Recovery Specialist.

Durante la serata, inoltre, Noemi Pazzaglia  è stata la prima giovane donna a donare i propri capelli alla Banca della parrucca; con un  video e una campagna di crowdfunding, la ragazza ha invitato  tutte le donne a donare i propri capelli e non solo, contribuendo anche economicamente al progetto della Banca della parrucca ( https://www.gofundme.com/banca-della-parrucca).

La banca della parrucca si propone di consentire anche alle donne in difficoltà economica di poter  disporre di una parrucca al fine di non sentirsi diverse perché senza capelli.

«Le tipologie di carcinoma mammario attualmente conosciute sono quattro e ciascuna di esse richiede un trattamento specifico- ha spiegato Giuseppe Perrone responsabile dell'Unità di ricerca di Anatomia patologica presso il Campus Biomedico che conclude - Per questo è fondamentale suggerire a ciascuna paziente una cura specifica, in base alla tipologia di carcinoma mammario da cui è affetta».

Pubblicato il: 22-06-2018
Di:
FONTE : Redazione - Comunicato stampa

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.