Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute La sesta patologia più invalidante al mondo

Un farmaco rivoluzionario contro l'emicrania

In arrivo una nuova tipologia di farmaci che andrà ad agire non semplicemente sugli effetti, bensì sulla causa, ossia sulla malattia che scatena le crisi

4.25 di 5
Un farmaco rivoluzionario contro l'emicrania iStock

A breve arriveranno anche in Italia, si tratta di una nuova tipologia di farmaci che rivoluzionerà il trattamento dell’emicrania, in quanto andranno ad agire non semplicemente sugli effetti, bensì sulla causa, ossia sulla malattia che scatena le crisi. Fra questi vi sarà il Fremanezumab, un anticorpo monoclonale in grado di bloccare l’attività della proteina alla base degli attacchi di emicrania. Il medicinale è già stato approvato dalla Food and Drug Administration (l'ente che si occupa della regolamentazione dei farmaci negli Stati Uniti), in quanto ha dimostrato di essere sicuro ed ampiamente efficace, ed è attualmente in vendita nelle farmacie americane.

In Europa per il Fremanezumab si sta concludendo l’iter sperimentale e burocratico, dunque prossimamente sarà disponibile anche in Italia. Secondo gli esperti si tratta di un concreto passo avanti nel trattamento della patologia: sino ad oggi si sono trattate le crisi di emicrania ma non (o solo parzialmente) la malattia; mentre ora stanno arrivando sul mercato farmaci in grado di interferire con il meccanismo che genera la malattia e che si esprimerà poi con le crisi.

Mediante iniezioni mensili o trimestrali di questi anticorpi monoclonali sarà possibile prevenire le debilitanti crisi di emicrania (sia episodica che cronica) con benefici enormi non solo sulla qualità della vita del paziente, ma anche sulla spesa pubblica e privata: l'emicrania, infatti, colpisce oltre un miliardo di persone in tutto il mondo, e nella sola Europa, ogni anno, si perdono ben 18 miliardi di euro, tra produttività e giornate di lavoro, a causa di essa. Si tratta della terza patologia per prevalenza e la sesta più invalidante a livello globale. L’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha già accettato la domanda di autorizzazione all’immissione in commercio per il Fremanezumab; non resta che attendere la valutazione dell'AIFA e, dunque, l'arrivo sul mercato italiano.

Pubblicato il: 21-06-2018
Di:
FONTE : Food and Drug Administration

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.