Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Peggiora il loro potenziale di apprendimento del 5%

Agli studenti non giovano insegnanti troppo rigidi

Secondo una ricerca statunitense gli insegnanti che sminuiscono i meriti degli alunni, che li criticano eccessivamente e magari fanno favoritismi, danneggiano il potenziale di apprendimento di questi ultimi

4 di 5
Agli studenti non giovano insegnanti troppo rigidi iStock

Secondo un recente studio, pubblicato su Comunication Education ed effettuato da un team di ricercatori americani della West Virginia University e della California University, gli insegnanti che hanno atteggiamenti scorretti nei confronti dei loro allievi, ovvero che sminuiscono i loro meriti, li criticano eccessivamente e magari fanno favoritismi, danneggiano il potenziale di apprendimento di questi ultimi; i quali finiscono per risentirne in termini di apprendimento e di motivazione allo studio.

Dopo aver reclutato 500 universitari di età e sesso diversi, i ricercatori li hanno suddivisi in due gruppi: i ragazzi del primo gruppo hanno seguito una lezione on-line, nel corso della quale l’insegnante ha tenuto costantemente un atteggiamento negativo e critico; quelli del secondo gruppo hanno invece assistito a una lezione normale. Al termine delle lezioni, i cui contenuti erano identici per entrambi i gruppi, agli studenti è stato sottoposto un test a risposta multipla.

Ebbene, è emerso che chi aveva assistito alla lezione del professore più ‘duro’ aveva imparato meno, ottenendo un punteggio peggiore del 5% rispetto agli altri. Oltre a ciò, i ragazzi e le ragazze del primo gruppo si dimostravano meno interessati a quello che era stato insegnato, meno motivati a studiarlo e non erano disposti a seguire altri corsi tenuti dallo stesso professore. L’atteggiamento del docente aveva di fatto influenzato le competenze acquisite, nonché segnato il percorso didattico dei ragazzi che, in qualche modo, ha a che fare col loro futuro.

Secondo Alan Goodboy, coordinatore della ricerca, anche un atteggiamento leggermente antagonistico, associato ad un insegnamento altrimenti efficace, può demotivare gli studenti nei confronti dello studio, ostacolare le loro possibilità di apprendimento, compromette la percezione che hanno dell'insegnante e creare un non necessario ostacolo ad imparare. Gli insegnati dovrebbero quindi fare particolare attenzione a evitare gli atteggiamenti negativi che, talvolta, assumono in aula.

Pubblicato il: 12-06-2018
Di:
FONTE : Communication Education

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.