Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Quando di igiene ci si ammala

Troppa igiene mette il piccolo a rischio leucemia

Secondo uno studio britannico la più comune forma di cancro nei bambini, la leucemia linfoblastica acuta (LLA), potrebbe essere causata dal mancato contatto con i germi nel primo anno di vita del bimbo

4 di 5
Troppa igiene mette il piccolo a rischio leucemia iStock

Dal Centre for Evolution and Cancer, dell’autorevole Institute of Cancer Research di Londra, giunge una notizia allarmante: la più comune forma di cancro nei bambini, la leucemia linfoblastica acuta (LLA), potrebbe essere causata da un eccesso di igiene, in particolare dal mancato contatto con i germi nel primo anno di vita del bimbo. A sostenerlo è il professor Mel Greaves, secondo il quale un’esasperata igiene impedirebbe al sistema immunitario di svilupparsi a dovere e, con il concomitante presentarsi di altre due condizioni, c'è il concreto rischio che il bambino si ammali. La prima di queste variabili è una specifica mutazione genetica che avviene durante lo sviluppo uterino; mentre la seconda, più importante, è un'infezione che colpisce dopo il primo di anno di vita trascorso in un ambiente troppo pulito.

Per giungere a questa conclusione il ricercatore inglese ha eseguito un'approfondita revisione degli studi sulla LLA condotti negli ultimi trent’anni, facendo emergere quella che secondo lui è la chiave per comprenderla e sconfiggerla. I risultati ottenuti da Greaves suggeriscono la presenza di un’evidente causa biologica: una vasta serie di infezioni che colpisce un sistema immunitario non pronto ad affrontare la minaccia.
Uno degli aspetti più interessanti della ricerca, pubblicata su Nature Reviews Cancer, risiede nel fatto che i bambini dei Paesi industrializzati risultano più predisposti alla malattia di quelli delle aree più povere; secondo Greaves ciò non dipende dall'inquinamento o dalle radiazioni elettromagnetiche, ma dal fatto che c’è la tendenza a far vivere i bambini in ambienti troppo sterili e puliti.
Lo studioso britannico tiene a precisare che i genitori non devono assolutamente sentirsi in colpa della malattia dei figli, dato che ci sono anche altri fattori che la influenzano, ma sottolinea l’importanza del contatto sociale dei figli piccoli con gli altri bambini, in particolar modo con quelli più grandi.

Pubblicato il: 24-05-2018
Di:
FONTE : Nature Reviews Cancer

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.