Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

L'acufene non è da prendere alla leggera: fai un controllo

Il fischio alle orecchie è un problema molto diffuso. L'acufene è il termine medico per indicare i fastidiosi fischi o ronzii alle orecchie che sentiamo in alcuni mo-menti.

3.67 di 5
L'acufene non è da prendere alla leggera: fai un controllo iStock

L’acufene o fischio nell’orecchio, non è sempre fisso e si presenta anche dopo essere stati esposti a suoni molto forti, come dopo un concerto. In alcuni casi l’acufene può essere un rumore persistente che non ci lascia vivere la nostra vita in modo sereno. È quindi necessario fare un controllo dell’udito presso centri specializzati nella perdita dell’udito che possano spiegarci il problema con accuratezza ed esporci gli eventuali rimedi per l’acufene. I soggetti che più ne soffrono sono gli adulti e gli anziani ma delle volte può colpire anche i giovani, se esposti a situazioni di rumore forte e prolungato come feste, concerti di paese o musica troppo alta.

Non bisogna sottovalutare il problema dell’acufene nelle persone anziane 

L’acufene è un problema che varia da persona a persona, certe persone sono meno sensibili al rumore e non si rendono conto di soffrire del problema, altri hanno un udito molto più sensibile e possono lamentare di sentire un fischio perenne nell’orecchio. In alcuni casi l’acufene può essere invalidante e creare fastidi davvero gravi. Sensazioni di ansia, malumore, fastidio o malessere diffuso e persistente possono essere tutti sintomi di questa tipologia di disturbo. Nei casi più gravi, oltre a problemi di inadeguatezza sociale l’acufene persistente può causare momenti di depressione. Negli anziani, ad esempio, l’acufene può portare ad una perdita dell’udito e causarne l’isolamento, quindi è necessario fare molta attenzione alla loro terapia e tenerli sotto stretto controllo.

L’acufene può manifestarsi in modi diversi

L’acufene non è solo caratterizzato da un rumore o un ronzio forte all’interno dell’orecchio, ma può essere la causa o il segnale di malattie del tratto uditivo in corso. Non bisogna mai sottovalutarlo, soprattutto se associato ad altri sintomi come dolore o problemi di pressione. Gli acufeni si possono dividere in due macro categorie.

Acufene soggettivo

Sono i più diffusi, si definiscono acufeni soggettivi quelli che possono essere percepiti solo da colui che ne soffre, solitamente sono anche i più facili da curare, dovuti a cause superficiali come cerume nelle orecchie o musica troppo alta.

Acufene oggettivo

L’acufene oggettivo è un fenomeno più grave rispetto a quello soggettivo perché il fischio nelle orecchie può essere sentito anche dalle persone che in quel momento sono intorno alla persona che ne soffre. È il tipo di acufene più grave e solitamente si ha bisogno di uno studio più approfondito per trovare la diagnosi e prevenire la perdita uditiva.

Fare un controllo può aiutarti a sentirti più sereno

Circa l’80% delle persone che soffre di acufene presenta anche una perdita uditiva, per questo è importante ed essenziale richiedere una visita presso centri specializzati. La maggior parte di queste persone non sa di soffrirne e con il tempo il problema potrebbe aggravarsi. I centri specializzati possono darti la soluzione più adatta per aiutarti a fronteggiare il problema dell’acufene, grazie ad un semplice form, solitamente disponibile sul loro sito, potrai richiedere un appuntamento gratuito presso il centro più vicino a te e alleviare il tuo problema

Pubblicato il: 16-04-2018
Di:
FONTE : AUDIKA

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.